«GIANTS OF ALL SIZES - Elbow» la recensione di Rockol

Gli Elbow addolciscono i dolori della vita

“Giants of all sizes”, l’ottavo disco della band di Manchester, è un viaggio fra luci e ombre sull’onda di una musica multiforme

Recensione del 17 ott 2019 a cura di Claudio Cabona

La recensione

È un album epico quello degli Elbow. Non solo per la cura degli arrangiamenti e le sperimentazioni, ma per la capacità di innalzare la storia, di farla assurgere a qualche cosa di più di un semplice racconto. Nelle nove tracce che compongono “Giants of all sizes” suono e parola sono fedeli alleati, combattono insieme i mostri della contemporaneità, in bilico fra visioni personali e finestre sul mondo. Nichilismo e ricerca della positività è come se fossero seduti allo stesso bancone di un pub mentre sta suonando la band di Manchester, arrivata alla sua ottava fatica.  

Guy Garvey, voce del gruppo, scava dentro se stesso, piange la morte del padre e saluta amici che non ci sono più, galleggiando nell’incertezza del futuro, sotto l’ombra della Brexit. Non dimentica di puntare gli occhi sulla tragedia delle Grenfell, l’incendio catastrofico avvenuto a Londra nella notte del 14 giugno 2017, e di guardarsi intorno costantemente. Garvey ha definito il disco così: “un vecchio, rabbioso e malinconico lamento che trova la sua salvezza nella famiglia, negli amici, nella band e in una nuova vita”. Il lavoro è stato prodotto e mixato dal tastierista Craig Potter, che come per gli ultimi quattro dischi ha trovato un equilibrio perfetto fra tutti i componenti de gruppo.

“Giants of all sizes” è un album, come mai prima, pieno di lividi e ricco di diverse sonorità rock, per questo molti fans, ascoltandolo, lo potrebbero trovare un unicum nella più che ventennale carriera del gruppo.

“Dexter and Sinister”, il pezzo di apertura, è un viaggio di sette minuti dentro la perdita della fede e sull’estinzione, il biglietto da visita di un album che in diverse parti appare oscuro, ma mai del tutto arrendevole nei confronti della vita. Guai, però, a pensare che la poesia dei testi sia accompagnata da strutture sonore soffocanti o dark. “Giants of all sizes” è un disco aperto, ricco di cambi di sonorità, orchestrale e limpido. Riesce a far viaggiare la mente indietro nel tempo e allo stesso modo risulta attuale. Si passa da “Doldrums”, trascinata da echi che sembrano distanti, a “My trouble” in cui l’elettronica di inizio canzone fa da tappeto alle parole di Garvey. Queste parti non risultano mai fredde e riescono a interagire anche con i frammenti acustici dell’album. E poi, manco a dirlo: le chitarre, in molti frangenti, sono arrembanti e magiche come in “White noise white heat”, una goduria pura per i fan del gruppo, in altri momenti invece sono più jazz come in “Empires”. La rabbia e la speranza sono quindi declinate in diversi modi, ma con coerenza. Non ci sono anime distanti, tutte viaggiano insieme: vogliono, in modo diverso, entrare dentro la vita, dentro il dolore, tentando nell’impresa di addolcirlo.

TRACKLIST

01. Dexter & Sinister (06:39)
02. Seven Veils (04:36)
03. Empires (03:59)
04. The Delayed 3:15 (03:24)
06. Doldrums (03:02)
07. My Trouble (05:18)
08. On Deronda Road (04:02)
09. Weightless (04:45)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.