«MY NAME IS MICHAEL HOLBROOK - Mika» la recensione di Rockol

Così Mika si è salvato dalla maturità

'My Name is Michael Holbrook' correva il rischio di essere un disco pretenzioso e autoindulgente, invece Mika è stato capace di recuperare l'energia delle origini con la maturità dei suoi 36 anni

Recensione del 09 ott 2019

La recensione

Territori scivolosi, gli album della maturità. Quelli dove si fa pace con sé stessi, dove ci si ritrova, dove si chiude un capitolo della vita e della carriera per aprirne un altro, quelli dove "eccomi come sono veramente" e via inanellando luoghi comuni buoni per infiocchettare gli strilli sulle copertine dei giornali patinati. Il più delle volte dischi del genere si rivelano essere, nella migliore delle ipotesi, tirate lunghissime e parecchio noiose dove il solo appagato alla fine dell'ultima traccia è chi l'ha registrato, che ha legato i propri fan alla sedia posta a fianco del lettino sul quale si è sdraiato, per giunta senza pagarli. Altre volte, sono ancora più semplicemente dischi brutti e non all'altezza dei predecessori.

Il rischio che "My Name is Michael Holbrook" potesse risolversi in uno dei due casi sopra elencati c'era, ed era concreto: dai tempi di "Life in Cartoon Motion" in poi Mika si è progressivamente distaccato dalle melodie appiccicose e dai ritornelli killer per diventare via via sempre più posato, più completo - questo sì - come artista, ma anche più pensoso, più celebrale e meno spensierato. Il successore di "No Place in Heaven", invece, sorprende: l'album "gioioso anche se nato dalla tristezza", come lui stesso ce l'ha descritto, ha sì passaggi dove l'introspezione prende il sopravvento - si pensi a "Paloma", dedicata alla sorella sopravvissuta a un terribile incidente, o a "Tiny Love" - ma senza rinunciare all'irruenza di "Ice Cream" o alla spensieratezza di "Dear Jealousy".

Non che, ovviamente, un numero di bpm sufficientemente alto e la tonalità maggiore bastino, da soli, ad allontanare l'autoindulgenza. Anzi: la sorpresa migliore che "My Name is Michael Holbrook" riserva a chi l'ascolta è quella di riscoprire un Mika ancora capace di affilare le solite, vecchie armi del pop - ritmo e melodia - con la maturità di un autore che sulle spalle porta ormai il peso di quattro dischi. Certo, questo non è il migliore dei dischi che l'artista anglo-libanese avrebbe potuto scrivere o registrare: un po' più di sintesi avrebbe giovato, e non tutte le tredici canzoni in scaletta se la giocano alla pari. Ma il fatto che la voce di "We Are Golden" ritrovando sé stesso abbia ritrovato anche l'energia e l'urgenza degli esordi, dimostrandosi capace di piegarla all'esperienza e alla maturità di oggi, non può che fare piacere: fossero tutti così, i dischi della maturità...

TRACKLIST

01. Tiny Love (04:04)
02. Ice Cream (02:46)
03. Dear Jealousy (03:47)
04. Paloma (03:42)
05. Sanremo (03:24)
06. Tomorrow (03:49)
07. Ready To Call This Love (03:49)
08. Cry (03:17)
09. Platform Ballerinas (02:47)
10. I Went to Hell Last Night (03:48)
11. Blue (03:09)
12. Stay High (03:30)
13. Tiny Love Reprise (04:25)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.