«ETON ALIVE - Sleaford Mods» la recensione di Rockol

Sleaford Mods, una delle formazioni più interessanti e sincere dell'attuale scena d'Oltremanica: "Eton Alive"

Sleaford Mods, una delle formazioni più interessanti e sincere dell'attuale scena d'Oltremanica.

Recensione del 25 feb 2019 a cura di Francesco Locane

La recensione

Li avevamo lasciati a settembre con un ep omonimo in cui il “rant speech” degli Sleaford Mods, pur non perdendo il contatto con le radici punk, post-punk e hip-hop, talvolta si lasciava sedurre dalla melodia, trasformando in canto (o nenia) il tipico flow arrabbiato e tagliente di Jason Williamson. “Eton Alive” per certi versi imbocca con più decisione quella strada: Andrew Fearn, il responsabile di campionamenti, sequenze e ritmi, espande la tavolozza timbrica e modella con maggiore profondità le produzioni delle tracce, mai così cupe, nichiliste e pessimiste. Il sorprendente e riuscito quinto album in studio del duo di Nottingham scava non solo nelle pieghe della società, ma anche in quelle dell'animo umano, con una particolare attenzione all'emotività maschile. A dire il vero, quando queste novità sono portate agli estremi le cose non funzionano al meglio: “When You Come Up To Me” e “Farewell”, comunque, sono gli unici episodi un po' opachi di un lavoro compatto e spietato. “Into the Payzone”, la traccia di apertura, è una sorta di marcia industrial scandita dal “bip” di una cassa da negozio: “Post, recover, eat, post, hate”, sputa amaro Williamson, scandendo su ritmiche secche la danza di noi tutti consumatori “social”. Una pulsione simile anima “Big Burt” (“We ain’t got a lot and I don’t want gods plan. Is it 25 pound a month for the handset and free calls to the promised land?”) e “Subtraction”, in cui si dimostra l'impossibilità di cambiare il mondo, perché ne siamo complici fino alle tasche, o proprio a partire da esse. Il testo infatti gioca sul doppio significato (cambiamento/spiccioli) della parola change, affermando che “the only change I like sits in my pocket, I’m a consumer”, mentre i pattern martellano senza sosta, con la sola eccezione di un break vagamente sospeso e aereo, buon esempio della tridimensionalità di Fearn.

Lo spessore produttivo del disco si esprime nei richiami goth e post-punk dell'eccellente “OBCT”, un atto di accusa contro la middle-class e gli status symbol, tra marcate linee di basso e il cameo di un kazoo. Il basso è protagonista anche dell'inquietante visione dipinta da “Policy Cream”, mentre in “Discourse” echi tribali e funk – quasi alla Talking Heads – accompagnano un'ammissione di totale incapacità nell'affrontare e comunicare le proprie emozioni, ben esemplificata dai versi “We never touch the real feelings, just the empty discourse”. Fearn non lavora bene solo sui singoli suoni, ma anche sui dettagli e sui contrasti, pur rimanendo autentico e grezzo: gli snervanti “ding” di “Flipside” ne aumentano, l'aggressività, mentre nonostante i ritmi sostenuti, la conclusiva “Negative Script” è avvolta da un'affascinante e oscura malinconia. Un sentimento ricorrente in “Eton Alive”, che tuttavia cade nella disperazione in “Top It Up”, uno dei suoi episodi chiave: dalle sonorità secche, rumorosa e ritmicamente prossima a una jungle stravolta, la traccia ospita forse il verso più tetro della partita: “Two lines on the table at a fucking funeral for somebody who got sick of two lines on the table”. Con sintesi meravigliosa Williamson dipinge un'altra debolezza, questa volta di un'intera generazione – la sua – che non è riuscita a uscire del tutto dal consumo abitudinario di stupefacenti cominciato con il boom delle droghe sintetiche ricreative tra gli anni '80 e '90. Ma a onor di cronaca dobbiamo dire che l'autore e musicista inglese è completamente uscito da ogni tunnel per entrare in palestra e sfoggia un'energia sarcastica e travolgente: la già citata “Flipside” e l'altro singolo “Kebab Spider” confermano la statura di una delle formazioni più interessanti e sincere dell'attuale scena d'Oltremanica.

TRACKLIST

01. Into The Payzone (02:17)
02. Kebab Spider (03:40)
03. Policy Cream (03:29)
04. O.B.C.T (04:05)
06. Top It Up (02:45)
07. Flipside (02:40)
08. Subtraction (03:16)
09. Firewall (03:22)
10. Big Burt (03:20)
11. Discourse (03:21)
12. Negative Script (02:46)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.