«KALA - Gianni Denitto» la recensione di Rockol

Gianni Denitto: leggi qui la recensione di "Kala"

Darbuka marocchina, balafon senegalese, la monodia dei raga indiani e l’improvvisazione stile jazz afro-americano: tutto questo in sei pezzi.

Recensione del 03 ago 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Kāla”, in sanscrito vuol dire tempo. Tempo: sono passati tre anni da “Brain on a sofa”. Di questi tre, due Gianni Denitto li ha passati tra tour, masterclass in accademie e conservatori e collaborando con musicisti di diverse tradizioni e culture in ogni parte del mondo. “Kala”, il disco, non poteva dunque che essere il sunto di questo particolare periodo storico che ha contraddistinto la vita artistica di un sassofonista nato con la musica classica, fiorito con il jazz e maturato nella sintesi tra suono acustico ed elettronico.

Sei pezzi dunque, brani in cui manco a dirlo il sax è la portata principale, votata però alla contaminazione. E parliamo di world music, di reggae, di Medio Oriente, di jazz a stelle e strisce, di ritmiche ossessive portate avanti a colpi di darbuka direttamente dal cuore del Marocco, impreziosite dal suono ovattato dello xilofono senegalese - il balafon - e intrecciate alla maniere dell’india classica dei raga. Questo è “Kala”, un lavoro di genere particolarmente convincente grazie all’ottima scelta dei suoni frutto di un ricerca a dir poco globale e ad uno spiccato gusto per le melodie più esotiche, il tutto finalizzato con eleganza tenendo a mente che cosa significa fare world music contemporanea, quindi con quel tocco elettronico e ambient che sa fare la differenza. Vedi le nuance soffuse e vagamente anni Ottanta dell'ottima “Tilsammans” o della desertica "Touki bouki".

Bonobo docet, Tinariwen docet, ma andrebbe detto anche Denitto docet: qui parliamo di un Musicista con la M maiuscola, uno di quelli che non ha paura di esplorare nuovi mondi. Mixato da Alessandro Arianti fatta eccezione per “Stockholm Rasta” e “Tillsamman”  mixate da Stefano Genta, masterizzato sempre da Arianti tranne “Stockholm Rasta” a cura di Edward Norris, “Kala” si avvale dei featuring targati Zion Train, Masia One, Roots by Nature, Supriyo Dutta, Cheikh Fall, Djiby Diabate.

Quando si dice che la musica supera tutti i confini…

TRACKLIST

01. Air China - Wäi Fäi Spirit & Ibaaku Remix (03:42)
02. Air China - Polezsky Remix (02:57)
03. Café d'Arab - Mulai Remix (02:48)
04. Stockholm Rasta - Nina Simmons Remix (04:50)
05. Tillsammans - Stèv Remix (05:52)
06. Touki Bouki - Deleted Soul Remix (07:55)
07. Touki Bouki - Ozferti Remix (04:40)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.