«V - Ensi» la recensione di Rockol

Ensi - V - la recensione

Recensione del 06 set 2017 a cura di Fabrizio Zanoni

La recensione

Andiamo dritti al punto: Ensi nel passaggio da freestyle a studio di registrazione ha faticato a mantenere il ranking e lo status di stella di prima grandezza della scena rap italiana.  Il rapper di Torino ha partorito nel tempo pezzi ragguardevoli, alcuni premiati dell'attenzione del pubblico altri meno. Ha saputo giocare bene su registri diversi (ironia con "Terrone" o  "Generazione Tuning", introspezione "Non è un addio", amore "Rocky e Adriana"). Negli anni la sua street credibility è rimasta alta con il pregio di non aver mai calcato la mano su temi scontati del genere (giusto la periferia e un po' di autocelebrazione sono piccoli peccati sui quali ritorna) . La stessa street credibility che ha invece un po' perso il fratello Raige, complice una traballante virata melodica e una dimenticabilissima partecipazione all'ultimo Sanremo duettando l'amore. 

Ensi ha visto passare avanti nella fila del successo gente che di gavetta metrica ne ha fatta ben poca. Ma ha il merito di non essersi trappizzato per compiacere la moda del momento. Ha mantenuto una coerenza e una qualità di scrittura alta. "V", il nuovo album, convince ai primi ascolti maggiormente del precedente anche se manca, forse volutamente, il singolo che strizza l'occhio alle radio. Forse giusto "Sugar Mama" dedicato alle MILF, se accompagnato da un video intelligente ha potenzialità da airplay.

Ospiti del disco nomi noti del panorama rap, coetanei che ne hanno condiviso il percorso: Clementino, Luchè, Gemitaiz, Madman. Più Il Cile, un amico che col suo cantato ha aiutato non poco il successo di "Maria Salvador" di quel volpone della discografia chiamato J-Ax.

Segnalo un'autocitazione "Vieni a vedermi live, con i click mi ci pulisco il culo" era una strofa del notevole "Numero uno" che qui viene clonata in "Boom bye bye ".

Tirando le somme "V" è un buon disco che si ascolta e riascolta con piacere che confermerà il pubblico dell'artista di Torino senza modificarne i suoi attuali numeri. Perché suona dal primo all'ultimo pezzo come un disco di Ensi. Sicuramente più un pregio che un difetto ma al contempo il suo principale limite.

TRACKLIST

02. Identità (feat. Il Cile) (03:26)
03. Iconic (03:01)
04. Boom Bye Bye (03:24)
05. Sì, come no (feat. Clementino) (04:10)
07. Mezcal (03:56)
08. Te lo dicevo (feat. Luchè) (03:29)
09. Sugar Mama (02:58)
10. 4:20 (feat. Gemitaiz & Madman) (03:35)
11. In volo (02:57)
12. Mamma diceva (02:51)
13. Noi (03:53)
14. Vincent (03:28)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.