Recensioni / 04 giu 2017

Lazza - ZZALA - la recensione

Voto Rockol: 3.0/5
ZZALA
333 MOB Srl (Digital Media)

di Valeria Balestrieri


“Zzala” è il disco di esordio di Lazza, rapper e pianista milanese classe '94 che sin da adolescente si è fatto notare per le sue abilità tecniche messe in mostra nelle battle di freestyle in giro per l’Italia che gli hanno fatto conquistare una buona schiera di fan.   Nel 2013 Lazza è entrato nel roster della Blocco Recordz, con cui, nel 2014 ha pubblicato il suo primo mixtape, “K1” in cui spicca la collaborazione con Emis Killa. Successivamente Lazza ha pubblicato vari video riscuotendo ottimi consensi e ha poi preso parte al video-format hip hop Real Talk diventando protagonista di una delle due puntate più viste su YouTube. 
Nel 2016 si è fatto notare da un pubblico ancora più ampio grazie a “DDA”, il singolo che ha sancito il suo sodalizio con 333 Mob, etichetta con la direzione artistica di Dj Slait e Low Kidd. Pochi giorni dopo l’uscita del video di questo primo estratto dal suo album, Lazza ha aperto il primo concerto della doppia data milanese di Salmo al Fabrique, per l’occasione sold out. Dopo questa esperienza, il giovane rapper milanese ha continuato a pubblicare dei freestyle su YouTube collezionando visualizzazioni ed è partito per un tour solista accompagnato da Low Kidd. 

Il secondo estratto che ha anticipato l’uscita del disco è stato “Maleducati”, altro successo su YouTube. La sua tecnica, la sua preparazione musicale (si è formato studiando musica classica al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano) e il suo stile di impatto rendono il suo rap unico sulla scena italiana. 

L’album di Lazza è il primo prodotto da 333 Mob: la produzione musicale del disco è di Low Kidd, Lazza e Dj Slait. Undici tracce, nelle quali Lazza ha inserito dei giri di pianoforte suonati da lui per creare un legame tra il suo background classico e un suono decisamente più attuale e crudo e questo è sicuramente il tratto che lo distingue da qualsiasi altro esponente della scena rap o trap. 

"Zzala" è un disco rap che usa le sonorità odierne e dà importanza non solo alla musica, ma anche alla scrittura e tocca un’ampia gamma di umori e atmosfere. In questo senso, "Ouverture” è sicuramente il pezzo che rappresenta al meglio l’anima contaminata del disco. 
Non a caso, quindi, in un disco in cui Lazza si mette in gioco totalmente, solo in un pezzo ci sono degli ospiti: la super collaudata coppia formata da Salmo e Nitro lo supporta a dovere in “Mob”. 

Nel disco, Lazza si mette totalmente a nudo, parla di sè, della sua vita privata, della sua voglia di rivalsa e conquista, si mette in gioco usando rime accattivanti e vivaci e un flow deciso ma nello stesso tempo fresco e originale, il tutto accompagnato da ritornelli che entrano e picchiano in testa quasi come a fotterti il cervello.

Lazza è sicuramente riuscito in questo disco a trovare il giusto compromesso tra stile e contenuto, tra pezzi più “ignoranti” e crudi e altri più introspettivi, tutti accompagnati da un flow impeccabile che lo rende da subito perfettamente riconoscibile. L’artwork è di Moab, altro componente di 333 Mob che ha già curato grafiche di copertina per artisti internazionali, come i Migos. Le foto del booklet sono firmate da Any.

TRACKLIST

01. Ouverture - (03:33)
02. Origami - (02:30)
03. DDA - (02:45)
04. MNM - (03:50)
05. Lario - (03:10)
06. Maleducati - (03:50)
07. Zzala - (03:04)
08. Take Away - (03:13)
09. 430 - (03:33)
10. MOB - (03:33)
11. Silenzio - (03:33)