«NULLA è ANDATO PERSO - Gianni Maroccolo» la recensione di Rockol

Gianni Maroccolo - NULLA è ANDATO PERSO - la recensione

Recensione del 07 mar 2017 a cura di Redazione

La recensione

“Non ho mai fatto un disco perche dovevo: è stata sempre una scelta motivata da necessità personali, ispirazione, desiderio primario di costruire, sperimentare, incontrarmi, condividere esperienze di vita ancora prima che artistiche. Sono un sognatore e ho vissuto fino a qui con il fine di realizzare sogni… che fossero miei, 'nostri' o 'altrui', poco importa. Non per fama, né per gloria; non per il successo e la popolarità, né per denaro: sono fatto così e basta. Comunico e vivo attraverso la musica oltre che all’amore per i miei cari". Così Gianni Maroccolo racconta questo album dal vivo, in triplo vinile.

La storia del disco:
 “Nulla è andato perso” è il racconto del tour del 2016 con cui Maroccolo ha portato in giro le canzoni dell’album con Claudio Rocchi “Vdb23” e ha festeggiato il trentennale della propria carriera, accompagnato da Andrea Chimenti, Antonio Aiazzi, Beppe Brotto, Simone Filippi, più ospiti come Ghigo Renzulli e Ginevra Di Marco. 

Come suona e cosa c’è dentro.
"Ho passato un mese ad ascoltare le registrazioni dei concerti e selezionare i pezzi più emozionanti. Ho scelto i momenti significativi, non le esecuzioni perfette. È una fotografia, una specie di bootleg ufficiale”, racconta Maroccolo. I pezzi sono tratti dai progetti del collaboratore di Litfiba, CCCP, CSI, PGR, Marlene Kuntz, Deproducers, più alcune cover. Si parte con “Rinascere Hugs Suite”, da “Vdb23", si prosegue con una suite  che unisce Capossela e Litfiba, partendo da "Santissima dei naufragati" di Vinicio. Tra le riletture: “Opening” di Philip Glass, “Aria di rivoluzione” di Battiato, Residents (“My Window”). Lunghe jam e canzoni si uniscono, con musica ora melodica, ora fuori dagli schemi, come il suo autore. Solo presso la sede e il mail order di Contempo Records, c'è un singolo in vinile a tiratura limitata (300 copie) con gli inediti “Eri altro da me” e “Suonano bene” incisi per l’album con Claudio Rocchi.

Perché ascoltarlo (o perché girare alla larga)
Gianni Maroccolo è un musicista davvero indipendente, nel senso puro del termine: non dipende da niente e da nessuno, se non dalla sua musica. Eppure nessuno come lui, nel rock italiano, è capace di stabilire connessioni e relazioni, con altri musicisti e con l'ascoltatore. Questo album dal vivo non è semplice, non è banale e non offre sconti. Se cercate canzoni-canzoni canzoni, rivolgetevi altrove. Se cercate musica che metta discussione i canoni del rock, non solo italiano, qua avrete pane per i vostri denti.

La canzone fondamentale
Se parliamo di canzoni-canzoni, allora "Annarella", l'addio dei CCCP e tuttora una delle più belle canzoni d'amore mai scritte in italia: qua è in una delicata versione con una lunga introduzione strumentale, e cantata mirabilmente da Andrea Chimenti.

 

TRACKLIST
LATO A
La realtà non esiste (intro)
Rinascere hugs suite
LATO B
Santissima dei naufragati
Peste
Versante est

LATO C
Inquieto
Les dernières sept minutes de mon père

LATO D
Narrazione
Opening
Annarella
Elianto

LATO E
Aria di rivoluzione
La battaglia
No potho reposare
Maria walewska

LATO F
My window
Nights and storms
Non accenderti
Nulla è andato perso

TRACKLIST

01. VDB23 (10:59)
02. Torna con me (06:52)
03. Nulla è andato perso (06:52)
04. Rinascere Hugs Suite (20:19)
05. Le melodie de Terrence (04:31)
06. Tutti gli uomini / Tutte le donne (02:47)
07. LD7M (Les dernierès sept minutes de mon père) (09:07)
08. Una corsa (15:07)
09. Rigel & VDB23 (02:27)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.