«LESBIANITJ - PoP X» la recensione di Rockol

PoP X - LESBIANITJ - la recensione

Recensione del 26 gen 2017 a cura di Anna Gaia Cavallo

La recensione

“Lesbianitj” è il nuovo album di Pop X. Non Pop Ics, come molti pensano, ma Pop Per. Ma per chi? Per qualcuno? Per qualcosa? Forse semplicemente per tutti. Che poi non tutti lo riescano a comprendere, è un altro paio di maniche; si rivolge comunque a tutti.

Sotto questo nome si cela l’identità di Davide Panizza, originario di Trento, e dei suoi compagni, Walter Biondani, Niccolò Di Gregorio, Luca Babic, Andrea Agnoli, Laura Jantunen e Pietro Albedo Parisi, grazie ai quali il suo progetto audiovisivo oggi vive.

Continui riferimenti sessuali, linguaggio politicamente scorretto: una prima analisi superficiale dell’album potrebbe suggerire questo. Pop X dice tutto quello che non si dovrebbe dire, parla apertamente di sesso in un mondo in cui si cerca ancora di censurarlo. Poi si abbandona a frasi nonsense, parole al contrario, suoni onomatopeici. Eppure sotto c’è molto di più. Tra un nonsense e l’altro arrivano parole pungenti, che raccontano la società in cui viviamo, con tutti i suoi problemi.

“Tempi odierni, sinonimo di inferni”, e poi “Schermo, sinonimo di inferno”: “Pubblicità”, la traccia che più di tutte volge lo sguardo verso la collettività, in queste due strofe riassume i nostri giorni, in cui i giovani sembrano interessati solo a tenere gli occhi fissi su uno schermo. Tutto diventa un gioco di parole e di suoni: come “Dens”, il cui ritornello potrebbe essere tranquillamente scambiato per la tipica hit estiva, alla Àlvaro Soler per intenderci, ma che poi in realtà parla di solitudine e di come ci si possa perdere. Certo, Pop X non usa mezzi termini, non ha mezze misure, è irriverente, a tratti irritante, usa parole che spesso sembrano messe lì a caso, molte parolacce, termini offensivi, che possono indignare, ma il messaggio racchiuso in canzoni all’apparenza così poco chiare, è chiarissimo.

“Lesbianitj” è un album dal sapore elettronico, synth pop, tendente all’eurodance. E poi si scopre che tra le influenze di Panizza figurano nomi come Marco Masini, Laura Pausini, quest’ultima forse tra le cantanti italiane più distanti dal suo stile. Ma c’era da aspettarselo, Pop X è anche contraddizione.

Anche la componente emozionale non manca; soprattutto in “Secchio”, che, parlando di una storia d’amore, recita “Ho paura del tuo amore, che è troppo serio e razionale per me che sono un frocio perso”: quindi il frocio perso chi è? Un analfabeta emozionale? Una persona emotivamente indisponibile? Uno che ha paura di amare e di sentirsi vulnerabile? La spiegazione sembra arrivare in “Ti scatto una photo”, con “Ti scatto una foto e non capisco il perché, non è che per caso mi sto innamorando di te? E allora son frocio e mi va bene così”: il fantomatico frocio è solo uno che ama e basta. Per cui nel mondo tutti siamo froci e ci va bene così.

Anche il nonsense di Pop X ha un senso, solo che talvolta è talmente difficile coglierlo, che inevitabilmente il pubblico si spacca in due: c’è chi lo reputa un pazzo, chi un genio. E questo succede anche con “Lesbianitj”: lascia dietro di sé una scia di interrogativi ed alla fine o lo si ama o lo si odia. Ma è proprio questo il bello: nel bene e nel male, è un album difficile da dimenticare.

 

 

TRACKLIST

01. Mister V (03:52)
02. Sparami (03:38)
03. Azzurra (03:29)
04. Frocidellanike (03:29)
05. Secchio (03:34)
06. Dens (04:39)
07. Pubblicità (03:08)
08. Sanatrix (03:42)
09. Ti Scatto Una Photo (03:50)
10. Madamadorè (03:12)
11. Preti (03:09)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.