«THIRD WORLD PYRAMID - Brian Jonestown Massacre» la recensione di Rockol

I Brian Jonestown Massacre tornano alla grandissima

Album numero 15 per Newcombe e i BJM: nove pezzi di ottima neopsichedelia e suggestioni alla Spaceman 3

Recensione del 25 nov 2016 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Quindicesimo album: forse qualcuno non farà molto caso a questo dettaglio, ma arrivare a sfornare 15 dischi interi non è un traguardo da poco. Se poi sono 15 lavori coerenti, solidi, fedeli alla poetica del progetto e mai deludenti – come nel caso dei Brian Jonestown Massacre – allora si può tranquillamente dire di essere di fronte a uno dei rari miracoli che il rock a tratti ci regala.

“Third World Pyramid”, in sostanza, è l’ennesimo splendido tour guidato nell’universo psichedelico di Anton Newcombe, che rievoca molte delle atmosfere tipiche del primo periodo della band, quindi mood rilassato e languido, fortemente oppiaceo, profumato d’incensi e spezie esoteriche, intriso di visioni e spossatezza drogata. Decadenza è il nome del gioco, baby… e Newcombe è uno che se ne intende di sicuro.

Fra suggestioni lo-fi, neopsichedelia, folk e garage anni Sessanta, drug rock mondato da ogni pulsione hard e tanto – tantissimo – amore per gli Spacemen 3 (influenza mai negata dalla band, fin dai propri esordi), si dipanano nove brani di grande spessore, intricati e stratificati, ma a modo loro immediati e semplici. Quindi… 26 anni di vita artistica e ancora tanto da dire – ovviamente se si amano queste sonorità.

Fra l’altro questo album è il primo griffato BJM a essere interamente realizzato nel nuovo studio berlinese di Newcombe (il Cobra Studio, messo in piedi dopo il suo trasferimento nella metropoli tedesca). Insieme a lui hanno suonato e collaborato Ricky Maymi, Dan Allaire, Joel Gion, Collin Hegna e Ryan Van Kriedt – con cameo di Emil Nikolaisen (dei norvegesi Serena-Maneesh), Tess Parks e Katy Lane (moglie di Anton).

Si mormora che “Third World Pyramid” possa essere il primo capitolo di una coppia di dischi, ma di fronte alle intemperanze e all’imprevedibilità di Newcombe è meglio non cullarsi troppo in certezze aleatorie… staremo a vedere. Intanto godiamoci questo album.

TRACKLIST

01. Good Mourning (02:34)
02. Government Beard (03:35)
03. Don't Get Lost (04:11)
04. Assignment Song (09:34)
05. Oh Bother (03:46)
06. Third World Pyramid (04:58)
07. Like describing colors to a blind man on acid (03:01)
08. Lunar Surf Graveyard (03:41)
09. The Sun Ship (04:04)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.