«F*** EVERYONE AND RUN (F E A R) - Marillion» la recensione di Rockol

Marillion - F*** EVERYONE AND RUN (F E A R) - la recensione

Recensione del 29 set 2016

La recensione


Prossimi a tagliare il traguardo dei 40 anni di attività (era il 1979 quando cominciarono a suonare insieme) i Marillion sfornano un altro disco in puro stile Marillion: "F.E.A.R.", acronimo di "Fuck everyone and run", è un disco che si articola quasi come un concept album nella classica visione progressive che ha da sempre contraddistinto i lavori discografici del gruppo. In quasi 70 minuti di musica troviamo cinque nuovi brani divisi in diciassette parti.

Il disco, primo lavoro dei Marillion ad essere composto da soli inediti in quattro anni, arriva a due anni di distanza dal live "A sunday night above the rain". Anche stavolta, come già era successo in precedenza, per realizzare l'album la band si è rivolta ai suoi fan tramite il crowdfunding. L'album, che raggiunge il mercato per l'etichetta Ear Music, è stato prodotto dagli stessi componenti della band (Steve Hogarth alla voce, Mark Kelly alle tastiere, Ian Mosley alla batteria, Steve Rotherey alla chitarra e Pete Trewavas al basso e alla chitarra) insieme a Mike Hunter.

L'ispirazione per questo nuovo lavoro è venuta a Steve Hogarth e compagni dopo essersi resi conto dell'egoismo che caratterizza la società moderna: Tutti gli impulsi umani degni di nota derivano dall'amore. E tutti gli impulsi umani negativi e distruttivi provengono dalla paura", hanno detto i Marillion. Da qui il titolo, "Fuck Everyone And Run", appunto, che è anche una frase cantata nel brano "New kings" (il manifesto ideale di questo disco). Il sound è quasi apocalittico, sembra alludere ad un cambiamento drastico, ad una spaccatura, ad un evento importante. Un senso di paura, appunto, come suggerisce l'acronimo "F.E.A.R.".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.