«RESURRECTION - Operation Mindcrime» la recensione di Rockol

Operation Mindcrime - RESURRECTION - la recensione

Recensione del 29 set 2016

La recensione


Nel 2012 Geoff Tate è stato cacciato in maniera piuttosto brusca dai Queensryche, la band che aveva fondato nel 1982 insieme a Michael Wilton, Eddie Jackson, Scott Rockenfield e Chris DeGarmo e della quale era il cantante principale. Tate si è rimboccato le maniche ed è ripartito praticamente da zero, fondando una nuova band - che ha tutte le sembianze di una superband - con John Moyer (Disturbed), Simon Wright (AC/DC, Ronnie James Dio): gli Operation: Mindcrime. Nel 2015 è arrivato il primo lavoro del gruppo, "The key", un mix di progressive metal, heavy metal e hard rock, registrato tra gli States e l'Inghilterra e prodotto dallo stesso Geoff Tate insieme a Kelly Gray. Ora arriva il secondo capitolo discografico della band, questo "Resurrection": si tratta della seconda parte di quella che gli stessi membri degli Operation: Mindcrime hanno definito una "trilogia musicale epica".

Ci siamo dimenticati di dire una cosa importante: che il nome del nuovo gruppo di Tate, cioè, cita il titolo di uno dei dischi più riusciti dei Queensryche, "Operation: Mindcrime" del 1988, appunto. È importante precisarlo perché Tate e compagni, con questo loro progetto, portano avanti lo spirito di quel disco della ex band del cantante, intrecciando l'intensità del passato iconico di Tate con la mentalità provocatoria che lo ha reso uno dei frontman più controversi del metal.

Per spiegarvi che suono ha questo nuovo album degli Operation: Mindcrime ci basta farvi i nomi dei musicisti che hanno affiancato Geoff Tate e compagni durante le lavorazioni di "Resurrection": il bassista Dave Ellefson dei Megadeth, il batterista Scott Mercado dei Candlebox, il già collaboratore di Billy Idol e Ozzy Osbourne Brian Tichy, il tastierista Randy Gane dei Myth ei cantanti Mark Daly (The Voodoos).

In più, vi diciamo che l'ex Iron Maiden Blaze Bayley e l'ex Judas Priest Tim Owens hanno prestato la loro voce al singolo che ha anticipato la pubblicazione del disco, "Taking on the World". Insomma, vi abbbiamo detto già abbastanza: ora sta a voi capire che suono (e che suono!) ha questo nuovo album degli Operation: Mindcrime.

TRACKLIST

01. Resurrection (01:40)
02. When All Falls Away (02:21)
03. A Moment in Time (00:29)
04. Through the Noize (01:08)
05. Left for Dead (04:18)
06. Miles Away (04:32)
07. Healing My Wounds (05:19)
08. The Fight (05:09)
09. Taking on the World (05:33)
10. Invincible (07:16)
11. A Smear Campaign (06:15)
12. Which Side You're On (05:57)
13. Into the Hands of the World (07:02)
14. Live from My Machine (06:00)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.