«MONDOVISIONE - Ligabue» la recensione di Rockol

Ligabue - MONDOVISIONE - la recensione

Recensione del 03 dic 2013 a cura di Paolo Panzeri

La recensione

Mondovisione è parola che deve essere cara a Luciano Ligabue: nulla di strano, tutti noi ne abbiamo qualcuna. La usò anni fa quando fece la cover (di molto successo) in lingua italiana della canzone dei R.E.M. “It’s the end of the world as we know it” diventata per l’occasione “A che ora è la fine del mondo?”.
E’ parola cara tanto da meritarsi l’onere e l’onore del titolo del nuovo album. Un album che giunge a tre anni e mezzo di distanza dal precedente disco “Arrivederci, mostro!”. Un bel lasso di tempo che con il cantautore reggiano non sembra mai così tale poiché la sua innata urgenza creativa lo porta a vestire spesso altri panni, come quello dello scrittore ad esempio, così che la sua assenza non è mai tale del tutto. Quando poi non sono la nostalgia del palco e la catarsi purificatrice del concerto a mordergli le viscere e a portarlo a calcare le assi di un teatro o quelle meno nobili di uno stadio.
“Mondovisione” è un lavoro composto di canzoni che parlano e riflettono principalmente le sue esperienze. Questo è uno dei segreti che lo hanno reso, lo rendono e lo renderanno riconoscibile e amato in saecula saeculorum. Uno stile, un lessico e un modo di affrontare le questioni che gli hanno permesso di essere uno degli artisti italiani ad avere un seguito tra i più numerosi e affezionati.
Il Ligabue 2013 dichiara di aver lavorato molto sulla parte musicale e di aver convogliato in quella direzione lo sforzo maggiore, alla ricerca di un suono “diverso”, magari eterogeneo, ma all’altezza della situazione. Il risultato è apprezzabile. E sarà probabilmente ancora più apprezzato quando queste canzoni verranno proposte in concerto.
Quel che però, banalmente, colpisce e stupisce sempre nei lavori di Ligabue sono i testi che propongono qua e là immagini fulminanti e perfette per sintesi e profondità. Parole che emozionano nel mondo incantato e sospeso de “La neve se ne frega” oppure in quella dichiarazione di amore totale che è “Tu sei lei”. Per non dire della autobiografica (ma in molti ci si può riconoscere) “Per sempre” dove protagonista è quel Moloch ingestibile che riguarda il rapporto con i propri genitori “…per sempre, solo per sempre, cosa sarà mai portarvi dentro solo tutto il tempo per sempre…”. Non mancano le parole di rabbia e indignazione che mai come di questi tempi la cronaca ci strappa dal petto,“…chi doveva pagare non ha mai pagato…” de “Il muro del suono” e, ancora, ne “Il sale della terra”, “…siamo la Montblanc con cui ti faccio fuori…”. Diretto e senza sconti in “Siamo chi siamo” “…conosco le certezze dello specchio, e il fatto che da quelle non si scappa…”. “La terra trema, amore mio” è ispirata da quella tragedia chiamata terremoto che ha colpito la sua Emilia lo scorso anno e “Ciò che rimane di noi” ha più di una chiave di lettura – amore, morte, società, lavoro – e ascoltate in questo periodo le parole “…è un Natale molto duro, sembra vuoto dentro…” hanno una forza ancora maggiore. A chiudere il disco “Con la scusa del rock’n’roll” e “Sono sempre i sogni a dare forma al mondo”: un congedo più leggero ma non vuoto, un invito a tenere botta per credere in una vita migliore, un messaggio di speranza che non può mancare.
Il Liga ha messo insieme 53 anni e ha ancora molte cose da dire sulla sua visione del mondo. Certe volte, ad alcuni, potrà sembrare pedante e ripetitivo, altre volte invece avrà trovato proprio le parole esatte – del resto è il suo mestiere e gli riesce piuttosto bene – per descrivere quel che tutti pensiamo e proviamo. Altre volte ancora potrà proporre una canzone che non è proprio una hit, a volte invece il riff e le liriche sono proprio quelle giuste. Quel che però non gli si potrà mai rimproverare però è l’onestà del suo intento. E’ questo il segreto, semplice semplice, che risiede dietro il successo ultra ventennale di Luciano Ligabue.
In definitiva “Mondovisione” è un banchetto dalle molte portate che possono piacere senza dubbio fin dal primo assaggio ma che si gustano ancora meglio se assimilate con calma e nel tempo. E’ un album che si inserisce perfettamente senza stonare nel continuum della sua discografia ma, nello stesso tempo, è un passo in avanti verso il Ligabue che verrà.
Ad accompagnare l'ascolto del disco potrà essere utile "La vita non è in rima (per quello che ne so)", un libro pubblicato recentemente da Laterza che ha per sottotitolo "Intervista sulle parole e i testi". Il libro nasce da 12 ore di conversazione tra Giuseppe Antonelli (docente di Linguistica italiana presso il dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Cassino), già autore dell'ottimo "Ma cosa vuoi che sia una canzone. Mezzo secolo di italiano cantato"; negli 11 capitoli in cui è suddiviso Ligabue parla di sè e delle sue canzoni, e il volume contiene anche tutti i testi dei brani di "Mondovisione".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.