«VOLA VOLA VOLA - Ambrogio Sparagna» la recensione di Rockol

Ambrogio Sparagna - VOLA VOLA VOLA - la recensione

Recensione del 09 ago 2012 a cura di Paola De Simone

La recensione

Mettiamo subito le cose in chiaro, “Vola vola vola” non è un disco di Ambrogio Sparagna e Francesco De Gregori, come erroneamente si è scritto qua e là. “Vola vola vola” è il nuovo album live di Ambrogio Sparagna e della sua Orchestra Popolare Italiana (da lui diretta dal 2007), cui hanno partecipato in qualità di ospiti Francesco De Gregori, Maria Nazionale, il Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni e l’ensemble Amarcanto. Il disco è dunque la testimonianza di un affollato live che si è tenuto nell’ottobre 2001 – in occasione dell’ottobrata romana - all’Auditorium Parco della musica di Roma. Così, dopo dieci mesi di decantazione, l’etichetta Parco della musica Records ha scelto di divulgare la registrazione di quella serata, e disco fu.
Non è certo un dettagliO collocare gli ospiti al posto loro, perché la cifra stilistica di questo disco è quella di Ambrogio Sparagna, fatta di musica tradizionale e freschezza interpretativa, e agli altri non è restato che adeguarsi e, casomai, integrarsi. E non si può dire che non l’abbiano fatto degnamente. Il sodalizio di tutte queste personalità artistiche ha funzionato, dando vita a un concerto (prima che a un disco) scorrevole e godibile. Non dovrebbe essere però una sorpresa, visto che almeno Sparagna e De Gregori in passato hanno già lavorato fianco a fianco in due occasioni: nel 1996 il Principe aveva vestito i panni di cantastorie nell’opera “La via dei Romei”, che consacrò a livello nazionale il musicista ed etnomusicologo latinense, e l’anno seguente Sparagna figurò tra i musicisti del doppio disco live di De Gregori “La valigia dell’attore”. Ed ora eccoli ancora insieme in un disco tradizionale, che alla tradizione attinge e rende omaggio, anche con qualche citazione rubata. Lo sa bene De Gregori che nella sua “Volavola” (già incisa nel disco “Per brevità chiamato artista” del 2008) ‘ruba’ parole e passaggi musicali a una canzone tradizionale abruzzese degli anni '20, scritta dal poeta Luigi Dommarco e dal compositore Guido Albanese e intitolata – neanche a dirlo – “Vola vola vola” (potete ascoltarne una versione qui). Ma “Volavola” è solo un frammento finale di questo ricco disco che si compone di 14 canzoni tra composizioni già incise - senza gloria - e stralci di folclore popolare italiano, principalmente a firma di Sparagna e De Gregori. E poi ci sono i duetti, che mettono insieme le loro voci e, più efficacemente, quelle di De Gregori e Maria Nazionale (“Ipercarmela” e “ “Santa Lucia”). Gli arrangiamenti, come tradizione vuole, vedono numerosi organetti in primo piano, seguiti da zampogna, ghironda, ciaramella, viola, violino, tromba, scacciapensieri e percussioni varie, con begli innesti vocali e applausi di contorno. Insomma un ensemble di largo respiro, che riesce a riempire una bella serata di musica di cui, grazie a questa registrazione, si può ancora godere. Anche se il disco non può certo rendere il ricco spettacolo che racconta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.