«LOVE IS A FOUR LETTER WORD - Jason Mraz» la recensione di Rockol

Jason Mraz - LOVE IS A FOUR LETTER WORD - la recensione

Recensione del 23 apr 2012

La recensione

"Personal. Melodic. Mellow". E' lo stesso Jason Mraz a consegnarci la chiave di lettura del suo quarto album, già altissimo in classifica in Inghilterra e negli Stati Uniti. L'autore e la voce (quattro anni fa) dell'ubiqua "I'm yours" è la faccia pulita, sana e coscienziosa del nuovo cantautorato americano. Un vegano dedito alle culture organiche e alle buone cause, un bravo ragazzo per cui la parolina a quattro lettere non identifica un'imprecazione o un insulto ma sta a significare love , amore.
Tema unificante e onnipresente di questo disco, dove il trentaquattrenne musicista della Virginia sta attento come sempre a non alzare troppo l'asticella in modo che tutti possano scavalcarla senza patemi o grossi sforzi. E' un ingrediente base del suo notevole successo e anche il suo limite: la sua è una musica fluida e rassicurante, dai timbri naturali e di piacevole ascolto, su cui il produttore Joe Chiccarelli (abituato alle sonorità ben più abrasive o debordanti dei White Stripes e dei My Morning Jacket) ha deciso saggiamente di muoversi con discrezione e in punta di piedi. Che poi Jason sia dotato di una bella voce spesso modulata in falsetto, che abbia un aspetto accattivante e che piaccia a tante celebrities della musica e del cinema, del gossip e della televisione, aiuta ovviamente la causa. Anche se bisogna prendere atto di come stanno le cose: la sua è una scrittura impeccabile ma un po' superficiale, con un tocco troppo lieve per lasciare segni profondi nella mente di un ascoltatore esigente.
Eppure i mezzi non gli mancano, e lo dimostra anche stavolta con "5/6": sei minuti a ritmo dispari e jazzato che intrecciano organo e chitarre elettriche in una terra di mezzo tra David Crosby e Bill Withers . Una bella parentesi e un'eccezione, in un disco che per il resto fila liscio come una highway americana, con canzoni buone per un falò da spiaggia al tramonto o una puntata di "Glee".
"The freedom song", che porta la firma del cantautore di Seattle Luc Reynaud, è un pezzo socialmente consapevole e uno dei migliori del mazzo, un pop soul solare tendente al reggae molto estivo e radiofonico che introduce al clima rilassato ed estremamente easy del disco e della musica di Mraz: un Jack Johnson più sofisticato, stessa predilezione per i suoni carezzevoli cullati dalle onde di voci sussurrate e di dolci arpeggi di chitarra acustica. Rinforzata da una robusta batteria e da una sezione fiati, la canzone che apre il disco è uno dei pochi brani veloci in scaletta assieme a "Frank D. Fixer", bella armonica e andamento accattivante, e a "The world as I see it", romantica e sognante. E sarà (anzi, è già) una delle preferite, insieme a "I won't give up", singolo intimista e di successo già venduto in mezzo milione di copie, e a "Everything is sound", con quel ritornello che trasforma un mantra sanscrito in un coro da cantare in concerto agitando il display luminoso del cellulare. Per il resto, il pop levigato (gli americani dicono smooth) di Mraz viaggia quasi sempre a mezzo tempo, "il ritmo dell'amore", ricorrendo di volta in volta a un fischiettio scanzonato ("Living in the moment"), a un pianoforte ("The woman I love"), a un fingerpicking delicato ("93 millions miles"), ad archi color pastello ("Who's thinking about you now?"). "Be honest", ospite la figlia d'arte Inara George, sfoggia un vibrafono, un mood da ore piccole e una certa somiglianza con lo Stevie Wonder più sentimentale, appoggiandosi alle percussioni della fedele spalla Noel "Toca" Rivera per sconfinare verso lidi sudamericani, ma non riesce ad alzare più di tanto il tono e il livello di attenzione.
Il fatto è che "Love is a four letter word" rivela quasi tutto di sé al primo ascolto, sacrificando spessore e sfumature all'altare della comunicativa immediata, e se i modelli sono Wonder o Billy Joel c'è ancora parecchia strada da fare. Mraz si muove in puro territorio AOR e - buon per lui - ha trovato l'unguento giusto da spalmare sulle orecchie di chi alla musica chiede soprattutto eleganza e piacevolezza scacciapensieri. Se è questo che cercate, accomodatevi. Non vi deluderà.




(Alfredo Marziano)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.