«THIS IS HARDCORE - Pulp» la recensione di Rockol

Pulp - THIS IS HARDCORE - la recensione

Recensione del 25 mar 1998

La recensione

"I am not Jesus - though I have the same initials"... Jarvis Cocker non è il tipo da cui aspettarsi dichiarazioni programmatiche di umiltà e buonismo. Sopra le righe, il leader dei Pulp ci si trova bene. "Ho 33 anni, l’età in cui Cristo fu crocefisso", continua "Dishes"; "mi piacerebbe mutare l’acqua in vino, ma è difficilissimo - e comunque, prima devo finire di asciugare i piatti". Cotanta irridente ambizione si mescola con la grande padronanza di almeno due decenni di pop inglese, per produrre il nuovo attesissimo cocktail dei Pulp, che con "Different class" (1995) rappresentarono uno dei fulmini a ciel sereno del panorama britannico di questi anni ’90. Ma il tempo dei giochi è finito, e i Pulp del 1998 hanno la testa infilata in una sorta di superiore decadentismo che porta all’occhiello (scusate l’ovvietà) fiori i cui semi furono gettati anni fa da un tizio che si faceva chiamare Ziggy Stardust. L’omaggio più evidente è "Party Hard", che meriterebbe di essere inclusa in una ristampa di "Scary Monsters". Cocker e soci (ivi compreso il produttore Chris "a rieccolo" Thomas) dimostrano una frequentazione Bowiana appassionata: c’è tutto, dall’impostazione vocale a certi fregi chitarristici a metà tra Fripp e Alomar.

C’è anche molto oro, in "This is hardcore", ma dovrete armarvi di piccone e scavarlo da voi: non aspettatevi gli ammicchi di "Common people" o "Sorted for E’s & Wizz". No, i Pulp di oggi mandano avanti come singoli "Help the aged" e "This is hardcore", aprendo l’album con l’angosciosa "The fear". Di conseguenza, a un primo ascolto il disco pare: 1) cupo; 2) molto Bowiano. Pure troppo. Col tempo invece, una volta dato a Bowie quel che è di Bowie e a Cocker quel che è di Cocker, potrà sbocciare l’amore per un disco prezioso, che ha scelto di complicarsi la vita. Sicuramente farà fatica a passare per radio, ma non a conquistarsi un seguito "cult".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.