«FUNPLEX - B-52's» la recensione di Rockol

B-52's - FUNPLEX - la recensione

Recensione del 04 apr 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

I B52's sono la seconda gloria di Athens, Georgia. La prima sono ovviamente i R.E.M., ma se avessimo fatto questa affermazione negli anni '80 le parti sarebbero stati invertite. I B52's sono stati il primo gruppo ad emergere da quella che poi sarebbe diventata una scena molto viva, e non è un caso che Stipe e soci gli abbiano riconosciuto molto, invitando una delle due loro voci femminili, Kate Pierson, a cantare ben 4 brani di “Out of time”.
I B52's nascono con molte delle idee che i R.E.M. a loro volta utilizzeranno, seppur portandole in un altra direzione: i riferimenti al rock chitarristico degli anni '60, le armonie vocali, la rivisitazione di questi elementi con un piglio derivato dalla New Wave. Il loro suono si smussa un po' tra fine anni '80 e primi '90, e infatti il successo maggiore arriva con il “party-rock” di “Love shack” (in “Cosmic thing”, 1989).
“Funplex” è il primo disco in oltre 15 anni, da “Good stuff” (1992). La band in questi anni ha avuto un'attività discontinua, ma il tempo non sembra essere passato. Chitarre, armonie vocali e melodie che sembrano fatte apposta per una festa a base di rock 'n' roll. Un mix che viene aggiornato solo in parte – un po' di elettronica qua e là, come in “Juliet” o "Eyes wide open" – e che è bello proprio perché non lo si ascolta da un sacco di tempo. Così, passano in secondo piano i difetti: una certa prevedibilità, e la voce recitante di Fred Schneider, che non è mai stata granché. Perché alla fine i pregi sono più che piacevoli: un bel lavoro sulle chitarre e quelle due voci femminili che si intrecciano a meraviglia. Non è un caso che le radio – non solo quelle rock – passino con piacere la title-track, cantabile a meraviglia.
Insomma: ben tornati. Ogni tanto è bello fare un tuffo nel passato, al futuro ci pensiamo un'altra volta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.