«STRIP-TEASE - Icon» la recensione di Rockol

Icon - STRIP-TEASE - la recensione

Recensione del 15 ott 2004 a cura di Paola Maraone

La recensione

Ci vuole tanto, troppo coraggio per provare a resuscitare – in voce, spirito e pure corpo – la chanteuse più maledetta e assieme santa che la storia del rock ricordi. Ci è riuscita un’insospettabile come Aua, classe 1978, già voce dei Pincapallina (a Sanremo nel 2001), diafana come Nico ma con qualche spigolo in meno: praticamente la sua reincarnazione burrosa.
Combinazione curiosa: con l’aiuto dei suoni del bresciano Franci Omi (già anima della band Il Grande Omi) la Nico-di-burro si cala perfetta nei panni della Nico-di-spigoli e canta, anzi ri-canta, le canzoni leggenda degli esordi, suoi e dei Velvet. L’avreste fatto, voi? Noi manco per sogno. Chi si metterebbe a rischiare il linciaggio per aver osato la cover di “I’ll be your mirror” o, ancora peggio, di quella “Strip-tease” che Gainsbourg scrisse nel ’62 e che Nico cantò solo per scherzo (la fece sul serio Juliette Gréco)?
Eppure Aua l’ha fatto. Con passione e distacco: che è un’altra combinazione curiosa. Libera, come Omi, da condizionamenti commerciali (il disco è una produzione artigianale, praticamente nata dalla buona volontà e dalla collaborazione entusiasta di un gruppo di amici), si è messa a interpretare anche “Femme fatale” e “All tomorrow’s parties” in modo personale e assieme fedele, autonomo e assieme credibile. E poi ha diviso in due l’anima di “I’m not saying” (il singolo di debutto di Nico come cantante) e l’ha proposta in veste scarna e dolce prima, graffiante e arrabbiata subito dopo. Prima di pronunciare giudizi preconcetti, prima di dire che far cover di Nico è da pazzi, fateci un favore – a buon rendere: provate a tendere le vostre orecchie verso quest’album essenziale ma emozionante, che costa anche poco perché è fatto di sei tracce appena, cantate e suonate a tratti in punta di piedi e a tratti pestandoli, quei piedi. Sei tracce che chiedono solo di farsi sentire e che – questa è una promessa – riescono in un intento che definire ambizioso è poco: trasportare chi ascolta in un altro spazio e in un altro mondo, tra suoni ipnotici, stranianti, improbabili, sporchi e assieme dolci; senza inutili orpelli o ghirigori, senza mai indulgere all’autocompiacimento. Un vero viaggio tra quiete e tempesta, giù, giù, nei più profondi recessi dell’anima, usando un pianoforte, una chitarra acustica e caldi passaggi vocali: che avrebbero potuto produrre un niente e invece fanno un grande effetto. Bellissimo? Decidetelo voi (e fateci sapere che ne pensate). Ma se siete dei nostalgici o anche solo un po’ curiosi, non perdetevi questo dischetto che fa tornare viva un’icona tanto tragica e sfortunata. C’è anche una traccia video, con il clip di “All tomorrow’s parties” e una bella modella in biancheria sexy, Grethel Gianotti: ci hanno spiegato che Aua non se l’è sentita, di fare quella parte. Come se ci volesse più coraggio a mostrarsi seminuda che a cantare Nico.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.