«ZU & CO. - Zucchero» la recensione di Rockol

Zucchero - ZU & CO. - la recensione

Recensione del 21 mag 2004

La recensione

La storia di questo “Zu&Co” è nota: è l’annunciato disco di duetti di Zucchero, pensato in oltre 16 anni, come recitano le note di copertina. Da quel duetto con la tromba del compianto Miles Davis del 1988 in “Dune mosse”, che ora apre la tracklist. Seguono altre 16 canzoni, e ben più numerose collaborazioni, che testimoniano le frequentazioni del Nostro. Solo due di queste canzoni sono totalmente nuove: il singolo “Il grande Baboomba” (che vede la partecipazione di Mousse T., presumibilmente per cercare di bissare il succcesso di “Sex bomb” di Tom Jones) e “Indaco dagli occhi del cielo” con Vanessa Carlton. Il resto è una sorta di “Best of” particolare. Particolare perché Zucchero ha inciso duetti totalmente nuovi, come quello con Macy Gray su “Like the sun” (“Come il sole all’improvviso”). E, laddove ha utilizzato duetti “vecchi” come quello con Miles Davis o con Sting (la versione italiana di “Mad about you”, “Muoio per te”), ha reinciso le canzoni, modernizzandole.
E qua sorge il principale problema, perché il concetto di modernizzazione sembra spesso passare per l’inserimento di quella batteria elettronica “zum-pa-pa” che oggi sembra dominare il suono del pop-rock mondiale, e che finisce per appiattire diverse canzoni. Zucchero, peraltro, aveva già sperimentato questa tecnica, e con successo, su “Shake”: l'elettronica era una delle chiavi di volta di quel disco, in bilico tra il “suo” suono e aperture a nuovi orizzonti. Un conto, però, è sentire canzoni totalmente nuove con queste coloriture, un conto canzoni che hanno una loro storia, piegate ad un suono che non è il loro. Per l’appunto: il gioco non sempre funziona. Lo sforzo è apprezzabile, non sempre i risultati.
In altre parole, il disco soffre di alti e bassi. La qualità degli ospiti non si discute. Non si discute neanche la qualità delle canzoni. Ma il tutto finisce per essere spesso disomogeneo. Le canzoni mostrano le loro diverse origini, nonostante il tentativo di modernizzarle.
Insomma, “Zu&Co” è davvero un “Best of” particolare. Un progetto affascinante anche se decisamente autocelebrativo (ma forse uno come Zucchero se lo può permettere). Però mostra inevitabilmente nelle sue tracce la complessità del processo di lavorazione, che è stato lungo, paziente, certosino, ma difficile. Forse, alla fine, tutto questo rivela il paradosso di “Zu&Co”: probabilmente è un disco più adatto a scoprire Zucchero (cioè adatto alle orecchie di chi non conosce o conosce poco il personaggio e le sue canzoni - tendenzialmente) che a riscoprirlo (cioè alle orecchie del pubblico nostrano).

TRACKLIST

01. Dune mosse (con Miles Davis)
02. Muoio per te (con Sting)
03. Indaco dagli occhi del cielo (con Vanessa Carlton e Haylie Ecker delle Bond)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.