«THE ESSENTIAL - Bruce Springsteen» la recensione di Rockol

Bruce Springsteen - THE ESSENTIAL - la recensione

Recensione del 01 dic 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Quella di questo disco è un’operazione quasi impossibile: pubblicare una raccolta che abbia il favore tanto del fan sfegatato quanto dell’ascoltatore distratto, che cerca brani essenziali di un repertorio quasi sconfinato quanto quello del Boss.
L’operazione, va detto, è innanzitutto industriale; da tempo la Sony ha iniziato a pubblicare una serie, denominata appunto “The essential”: doppi CD in cui raccogliere il meglio degli artisti del proprio catalogo. I nomi già apparsi in questa serie sono dei pesi massimi: da Leonard Cohen a Simon & Garfunkel, passando per Bob Dylan, i Clash, Billy Joel e molti altro. Springsteen, forse perché aveva già in discografia un “best” ufficiale (il singolo “Greatest hits” del 1995), ha voluto differenziarsi. Non solo due cd di con i brani più noti della sua carriera, ma ha aggiunto un terzo CD con rarità, brani inediti e lati B.
Questo è il bello di “The essential Bruce Springsteen”. La scaletta dei primi due cd è ovviamente molto più completa, e molto più equilibrata di quella di “Greatest hits”. Ogni disco è rappresentato da almeno un brano. Si parte con 5 brani dai primi due dischi, bellamente ignorati dal greatest hits, e si prosegue fino a “The rising”. Mancano solo canzoni dal “Live 1975-1985”, ma in compenso sono presenti due brani da “Live in New York City”. La scaletta la potete vedere in fondo alla recensione. Sono presenti gli stra-stra-classici del boss, e ci si può esercitare facilmente nel gioco “manca questo o manca quello”, o in “solo due pezzi da quell’album?”.
In tempi di masterizzatori, ognuno può farsi un proprio cd-compilation “da auto” con i propri brani preferiti (chi scrive, in questo caso, non avrebbe fatto mancare “Racing in the streets”, “Indipendence day” e “Downbound train”). Quindi il fine di CD come questi è altro. Ovvero offrire compilation complete a chi i masterizzatori non sa/non vuole usarli; tendenzialmente un pubblico adulto, poco tecnologico e con alto potere d’acquisto; quello che ha decretato il successo di altre compilation come “1” dei Beatles e “Elv1s”.
Rispetto ai “Greatest hits”, questa raccolta aggiunge un terzo cd, che la rende appetibile anche ai fan incalliti. Il “Bonus cd” è una sorta di “Tracks volume 5”, un capitolo aggiuntivo del cofanetto che riuniva brani rari e mai pubblicati prelevati dallo sterminato archivio “segreto” del boss. I 12 brani che compongono questo cd sono quantomai eterogenei. Si va da brani mai pubblicati come gli inediti di studio “None but the brave” (forse il pezzo migliore dell’intero CD, una outtake di “Born in the USA”) a “Country fair”, a lati b come “The big payback” (da “Open all night”, periodo “Nebraska” a “Held up witout a gun” (periodo “The river”, anche se quella qua presente è una versione live, non quella originariamente uscita come retro di “Hungry heart”.) Si passa per brani usciti solo su raccolte, come le cover “Trapped” (grandissima versione di un brano di Jimmy Cliff, uscita su “We are the world”) a “Viva Las Vegas” (uscita su un tributo a Elvis). Anche in questo caso si possono fare diverse recriminazioni. Il boss ha talmente tante gemme nel cassetto che certamente poteva pubblicare molta altra roba. Però il gusto dell’attesa continua (di un nuovo disco, di un nuovo inedito…) è uno dei motori dell’affetto del pubblico del boss. Che con questa raccolta e con il DVD “Live in Barcelona” pubblicato in contemporanea ha comunque di che divertirsi. In attesa di qualcosa di nuovo…

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.