«LIVE 1966: THE ROYAL ALBERT HALL CONCERT - Bob Dylan» la recensione di Rockol

Bob Dylan - LIVE 1966: THE ROYAL ALBERT HALL CONCERT - la recensione

Recensione del 12 ott 1998

La recensione

Con il passare degli anni anche il rock, come il jazz, inizia ad avere i suoi momenti di storia negli archivi, le sue incisioni epocali che vengono fuori alla distanza, oppure anche e semplicemente i suoi concerti storici. Dello show tenuto a Londra da Dylan il 17 maggio 1966 si diceva fosse il bootleg più famoso di tutti i tempi, e non solo per la qualità della musica in esso contenuta. "Live at the Royal Albert Hall" immortala un momento di passaggio di Dylan, tanto artistico che creativo: non bisogna dimenticare infatti che è da Newport 1965 che l’artista si propone al pubblico con le chitarre elettriche e una formula rock che trova scontenti i fanatici e i puristi del folk, dopo un avvio di carriera riservato alla chitarra acustica. All’interno di questo album potrete ascoltare l’indisponenza del pubblico, che lo fischia e gli grida "Giuda", e Dylan di rimando dire al microfono: "Non vi credo, siete dei bugiardi". Ma il 1966 è un anno importante anche per un altro motivo: è l’anno in cui esce "Blonde on blonde", un epico doppio album che mostrava al mondo quanto la creatività e la poesia di questo album mettessero Dylan su un altro pianeta rispetto al resto dei propri contemporanei. E’ l’anno alla fine del quale Dylan - in fase di rinnovo contrattuale - avrà un pauroso incidente motociclistico dal recupero del quale nasceranno i nastri di un altro disco epocale, "The basement tapes", realizzato in compagnia di The Band. Proprio il gruppo di Rick Danko e Robbie Robertson, con il nome di Hawks, accompagna Dylan nella parte elettrica di questo live alla Royal Albert Hall. Insomma, quel 1966 è una sorta di storico crocevia per Dylan e per il suo immacolato songwriting, che su questo doppio dal vivo da una bella, anzi egregia, prova di sé. Come le "Sun sessions" di Elvis, come il "Black album" di Prince, un’altra pagina di storia ha trovato finalmente il suo posto sugli scaffali.

Tracklist:
CD1 - acoustic set
1. She belongs to me
2. 4th time around
3. Visions of Johanna
4. It’s all over now baby blue
5. Desolation row
6. Just like a woman
7. Mr. tambourine man

CD2 - electric set
1.Tell me mama
2. I don’t believe you
3. Baby let me follow you down
4. Just like tom thumb’s blues
5. Brand new leopard skin pill box hat
6. One too many mornings
7. Ballad of a thin man
8. Like a rolling stone
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.