«OTTO OHM - Otto Ohm» la recensione di Rockol

Otto Ohm - OTTO OHM - la recensione

Recensione del 11 gen 2001

La recensione

Il reggae non muore mai.
Nemmeno in Italia, dove, sempre amatissimo, ha fatto nuove vittime: otto, per la precisione. Volendo essere ancora più pignoli, potremmo dire che i baldi otto sono anche giovani e carini ragazzi provenienti dalla capitale e che, con una formula musicale essenzialmente solare e leggera, hanno illuminato un po’ il desolato panorama della canzone italiana.
Il loro singolo d’esordio, “Crepuscolaria”, uscito sul finire del secondo millennio quasi a presagire l’inizio di una fruttuosa stagione artistica, propone parole malinconiche che si interrogano, senza ovviamente ottenere risposte precise, su “cosa lascerà l’estate dopo il suo rumore e dopo un’attesa così lunga per raggiungerla”, con ritmiche che fanno venire voglia di ballare. E, allo stesso modo, tutto il disco riesce a trasportare l’ascoltatore in un torrido giro sulle montagne russe, cullato docilmente da sonorità reggae, drum ‘n’ bass, jungle e two-step, infarcite a piacere da iniezioni di elettronica che solo a volte risultano pretenziose, in una bramosa e forzata ricerca dell’originalità a tutti i costi. Ma non si dispera: gli Otto Ohm sembrano sinceri nella loro voglia di comporre musica genuina e “sentita” che ha il pregio di avvolgere di seta come, appunto, l’aria fresca e la luce soffusa del crepuscolo.
Così, se da un lato potremmo pensare agli Otto Ohm come a dei ragazzi a metà strada tra l’ingenuità e la presunzione, che già dalla scelta del nome hanno voluto anticipare la voglia di produrre musica calda e di tutto rispetto (Otto Ohm, nel gergo tecnico usato dagli addetti ai lavori nel mondo della musica indica, infatti, il carico di impedenza che devono avere le casse di uno stereo per generare un suono d’impatto, definito Hi-Fi, che di solito le casse più economiche non riescono a raggiungere), dall’altra diremmo invece che noi tutti siamo stati giovani immaturi conquistati dal fermento che inedite scoperte ci hanno procurato, dalla irrequieta voglia di esplorare nuove strade e, perché no, diventare degli artisti amati, ammirati e imitati in tutto il mondo.
Questo è, per lo meno, ciò che auguriamo di tutto cuore agli Otto Ohm.

(Valeria Rusconi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.