«SLOW MOTION RIOT - 98 Mute» la recensione di Rockol

98 Mute - SLOW MOTION RIOT - la recensione

Recensione del 28 ott 2000

La recensione

Non molto tempo fa è apparsa sulla stampa specializzata l'espressione "tarantella-core" per definire qualcuno dei milioni di gruppi che si rifanno ai Nofx. Uno sfottò, anche meritato, perché certe ritmiche hanno ampiamente stufato. Mi permetto di avanzare però un'obiezione: perché per dare l'idea di qualcosa di triste e scopiazzato, si deve tirare in ballo la dignitosissima tarantella? Oltretutto, il tump tump alla Nofx assomiglia molto di più alla polka. Tutto questo per dire che anche i 98 Mute indulgono molto spesso a questo andamento ritmico, ma rispetto ai già citati capiscuola hanno diversi chili di umorismo in meno e una tendenza molto più spiccata al coro da stadio. Non l'alee-ooo alla Baglioni, ovviamente, ma il canto ultrà che in ambito punk è una soluzione già utilizzata ampiamente, dagli Sham 69 in poi. Che risultati produce in "Slow motion riot"? Un po' noiosi, non tanto per demeriti particolari dei 98 Mute (che non sono geniali, ma sanno senza dubbio il fatto loro), ma perché l'album non si stacca granché dallo standard di molte produzioni Epitaph: suoni ineccepibili, riffoni duri e ritmi veloci. Tutto al posto giusto, anche troppo. Tanto che alla fine risulta prevedibile. Il che comunque non disturberà le schiere di ragazzini neo-punk che non vedono l'ora di pogare nei locali dove passano questo genere di cose - dove un pezzo come "It's your move" può funzionare bene, e non è il solo presente nel disco - ma l'impressione è che il fondo del barile per questo modo di intendere il punk sia ormai già stato raschiato. E nessuno è riuscito ad arrivare alle vette raggiunte dai Nofx. Urge qualche idea nuova, ma non è questo l'album dove è possibile trovarla.
(Paolo Giovanazzi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.