«SYMBOLIC - Voodoo Glow Skulls» la recensione di Rockol

Voodoo Glow Skulls - SYMBOLIC - la recensione

Recensione del 26 ott 2000

La recensione

I Voodoo Glow Skulls vengono solitamente infilati nella casella ska-punk, ma questo “Symbolic” mostra che la bilancia negli equilibri interni della band pende più verso il secondo. Infatti, nonostante i fiati e le chitarre molto spesso in levare, la voce di Frank Casillas, l’irruenza e i suoni aggressivi non lasciano dubbi. A loro merito va il tentativo di allargare i confini di uno stile ormai battutissimo negli USA (ma non solo lì), come accade nelle sortite hip-hop di “The drop in” e “The devil made me do it”. Sortita apprezzabile, perché gli Skulls hanno cominciato a mischiare punk e fiati quando ancora non si trattava di una formula in auge, ma dimostrano di non volersi fermare su posizioni già note solo perché adesso c’é la possibilità di guadagnare qualcosa. Peccato però che i risultati dell’esperimento non siano granché. A volerla dire tutta, anche il resto dell’album non è granché. Non è sgradevole, suona in modo impeccabile (produce il solito Brett Gurewitz) e non difetta di energia. Mancano però i pezzi in grado di sollevare un disco da una media dignitosa, ma non entusiasmante. Così, alla fine i pezzi scivolano via senza lasciare tracce particolari, e anche la cover di “I shot the sheriff”, piazzata in chiusura, segue la stessa sorte, suscitando una blanda curiosità o poco più. Non mancano comunque i pezzi che possono funzionare in qualsiasi discoteca orientata verso il punk e lo skacore (“Silencer” ad esempio), che potrebbero comunque essere sufficienti per convincere i numerosi appassionati di queste faccende. Ma chi non ha interessi particolari in questo senso può risparmiarsi i soldi per qualcosa di più stuzzicante. Un dubbio: cosa potrebbero combinare certi gruppi italiani che bazzicano nella stessa area, a parità di mezzi, cioè con la organizzazione della Epitaph alle spalle e la guida di Gurewitz in studio?

(Paolo Giovanazzi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.