Comunicato Stampa: esce il disco d'esordio di Alberto Patrucco

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

ALBERTO PATRUCCO
DOMANI OSPITE AL PREMIO TENCO


DOMANI ESCE “CHI NON LA PENSA COME NOI”
Domani esce “CHI NON LA PENSA COME NOI”, il disco d’esordio di ALBERTO PATRUCCO nel quale il comico interpreta GEORGES BRASSENS con dodici brani mai tradotti in italiano prima d’ora.

ALBERTO PATRUCCO domani sarà ospite al Premio Tenco dove si esibirà suonando alcuni brani tratti dal disco.

“Chi non la pensa come noi” (Alberi/Edel) è il frutto del percorso compiuto da ALBERTO PATRUCCO tra le parole e la musica di GEORGES BRASSENS, il più raffinato cantautore francese del secolo scorso, un artista unico, dotato di genialità e ironia senza eguali. Il lavoro si compone di dodici versioni inedite (in italiano) e preservate nei loro contenuti da una traduzione accurata che ne ha salvaguardato poesia, sostanza e incisività, col consenso degli eredi di Brassens.

“Georges Brassens è le sue canzoni”- afferma Patrucco - “Parole e musica. Parole che emozionano, singolare impasto tra lingua e gergo, quasi sempre venate da una sottile ironia. Musica che cattura. Canzoni che il tempo non ha scalfito. Parole che suonano e musica che parla. Brassens, uomo e autore libero di grande umanità. Il poeta, il musicista che ha impresso una svolta profonda al grande mondo della canzone. E, senza volerlo, al mio piccolo mondo.”

Dalla proposta minimale propria dell’autore – voce, chitarra e contrabbasso – si passa, senza travisamenti, a una lettura musicale più articolata e ampia. In “CHI NON LA PENSA COME NOI”, oltre a Daniele Caldarini, autore degli arrangiamenti musicali dell’intera produzione, hanno suonato più di trenta artisti. Tra gli altri: Ellade Bandini, Sergio Bassanini, Juan Carlos “Flaco” Biondini, Giovanni Block, Fabrizio Consoli, Giorgio Conte, Gianni Coscia, Joe Damiani, Francesco Gaffuri, Mimmo Locasciulli, Mauro Pagani, Lino Patruno, Angapiemage Persico, Luca Schiavo, Fabio Testoni, Anne Marie Turcotte e Peppe Voltarelli.
Alberto Patrucco si avvicina al mondo artistico attraverso la musica. Suona il pianoforte dall’età di nove anni, poi, come spesso accade, si innamora della chitarra, strumento più agile e teatrale. Questa formazione, la conoscenza del ritmo e della musicalità, avrà un peso determinante nella costruzione del suo modo di fare teatro e dei suoi monologhi. Debutta ufficialmente nel 1976 al “Teatro Cabaret La Bullona” in Corso Sempione a Milano. Alla corte di Ferruccio Silvano assimila l’etica e il modo di intendere e fare spettacolo di quegli anni. Il “battesimo” avviene in una serata con Gianni Magni, il mitico Gufo scomparso nel 1992. Tra i suoi compagni di viaggio di quegli anni ricordiamo il grande Gianni Cajafa, Roberto Brivio, Walter Valdi e l’allora giovanissimo Maurizio Micheli. La proposta artistica di Patrucco è semplice: monologhi e ballate, eseguite al pianoforte o alla chitarra, per raccontare storie con parole e canzoni originali, per lo più umoristiche. Tra la fine degli anni ’70 e gli inizi degli anni ’80, inizia un’intensa attività in molti locali milanesi e affronta, nelle allora nascenti tivù private, le prime esperienze televisive. Con il boom commerciale del cabaret, sulla scia della fortunata trasmissione “DRIVE IN”, Patrucco allarga il suo raggio d’azione in tutta Italia. Dal 1980 al 1990 propone una serie di spettacoli che a buon diritto entrano nella storia di questo genere. Abbandonata la musica, per un decennio sperimenta e approfondisce il monologo satirico puro, sviluppando uno stile personale e inconfondibile, riprendendo le canzoni solo in qualche occasione. Sono di quegli anni gli spettacoli: “GIRA LA TERRA GIRA”, “SUPERFLUOMANIA”, “KITSCH BOOM”, “PESI MASSIMI” e “CONTROMANO”.A partire dal 2000, Patrucco inizia un rapporto costante con la televisione passando, prima attraverso “ZELIG” (2000 – 2003), per approdare poi alla trasmissione “COLORADO CAFÉ” (2004 – 2006) e diventando un personaggio di punta richiesto come ospite anche in altre trasmissioni nazionali (“FUNARI NEWS”, “BALLARÒ”, “GLOB”, “CROZZA LIVE”…) È in questo periodo che elabora l’argomento centrale del suo cabaret, ovvero, l’originale tesi del “pessimismo comico” che prenderà vita attraverso tappe precise e ben delineate:dal 2000 al 2005 elabora “TEMPI BASTARDI” (libro MONDADORI e spettacolo),dal 2006 “VEDO BUIO!” (libro MONDADORI e spettacolo).Dal 2002 l’impegno creativo, motore degli spettacoli dal vivo, delle pubblicazioni e dei monologhi televisivi, è condiviso con Antonio Voceri.Nel 2005, gli viene assegnato il “PREMIO CHARLOT (Cabaret con la K)”. E, nel 2007, il “PREMIO WALTER CHIARI”, il “PREMIO SATIROFFIDA” e il “DELFINO D’ORO”.Tutta l’opera di Alberto Patrucco si può considerare come un gigantesco work in progress che ruota attorno alla spiazzante tematica del “pessimismo comico”.L’autore è alla perenne ricerca della singolare normalizzazione di questo tema che racchiude la sua visione del mondo. Sul palcoscenico e nei suoi libri Patrucco sviscera la realtà rivoltandola e trovando gli amari ed esilaranti lati comici.
www.albertopatrucco.it
Music Biz Cafe Summer: Covid-19, le sfide di artisti e discografici
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.