‘Dead Man Walking”: breve cronaca del rock benefit più caldo dell’anno

‘Dead Man Walking”: breve cronaca del rock benefit più caldo dell’anno
"Not in our name - Dead Man Walking, The Concert”, il benefit ispirato all’omonimo film di pochi anni fa interpretato da Sean Penn, ha avuto luogo il 29 marzo scorso a Los Angeles, presso lo Shrine Auditorium, teatro della cerimonia degli Oscar. Conduttore della serata era Tim Robbins, autore e regista del film.

Il concerto è iniziato all’insegna del tono confidenziale, con un set acustico e solista di quattro brani eseguiti da Steve Earle, seguito a ruota da una Michelle Shocked in chiave blues. Sempre introdotti da Robbins, gli artisti si sono succeduti: Lyle Lovett ha acceso gli animi con "Promises", contenuta nella colonna sonora del film, mentre Tom Waits (presentato da Robbins con le parole: “aspettavo questo da molto tempo”) li ha letteralmente incendiati, chiudendo la prima parte dello show con i suoi otto brani, in trionfo sulle note di "Jesus gonna be here".
La seconda parte è stata preceduta da un intervento della suora-simbolo della manifestazione, Sister Helen Prejean, accolta con calore e commozione dal pubblico, che ha poi lasciato spazio a Ani DiFranco, anch’ella in versione acustica. E’ poi finalmente arrivato il momento di Eddie Vedder, inizialmente solo sul palco per una versione di “Trouble” di Cat Stevens; poco dopo lo ha raggiunto il compagno nei Pearl Jam Jeff Ament insieme a John Densmore dei Doors, Rahat Nusrat Fateh Ali Khan (nipote di Nusrat Fateh) e da Dildar Hussain: insieme hanno eseguito proprio "Dead man walking", "The long road" e "The face of love".

La jam session finale, con l’aggiunta a sorpresa di una Bonnie Raitt non annunciata, è stata dedicata a "Innocent when you dream" di Tom Waits, ispiratissimo al piano.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.