Baccini prega 'Nostra Signora degli autogrill'

Baccini prega 'Nostra Signora degli autogrill'
«E' il mio settimo disco, ma il primo per la RTI. Per cui, sono un po' emozionato, come quando ho inciso il mio primo album», dice Francesco Baccini di "Nostra signora degli autogrill", il nuovo album presentato mercoledì 12 maggio a Milano. «Tanto più che erano tre anni che non incidevo canzoni nuove, e che il mio approccio a queste canzoni è stato simile a quello degli inizi. Un album acustico, senza tastiere, con lo staff dell'89, Andrea Braido in testa. E soprattutto con la ritrovata voglia di divertire me stesso per primo, senza lo stress di avere una canzone di punta. E senza polemiche». Non entra nei particolari, il cantautore genovese, ma tutti pensano al periodo di "Nomi e cognomi", e alle canzoni su Andreotti, Curcio e il collega Venditti. «Il gioco mi aveva preso un po' la mano. Un giorno, mentre ero da mia madre, ho messo su una videocassetta con le mie apparizioni televisive, e ho visto la differenza tra gli inizi di "Cartoons" e il mio atteggiamento di qualche anno dopo. Mi sono stato sulle balle da solo! Dopo i primi dischi, alcuni cattivi consiglieri mi hanno detto: ridi troppo, devi essere più serio e incazzato. Ma io non sono così...»
Una parentesi a parte merita il titolo dell'album: la società Autogrill è stata interpellata? «Non ci avevo nemmeno pensato. Non ho chiesto nessun permesso, e non avevo pensato a una cosa pubblicitaria... Il massimo che spero è che mi offrano un pranzo quando passo di lì. Il titolo e la canzone omonima sono nati da un verso di un'altra canzone, "Ballata di un uomo qualunque"». Per il tour, appuntamento ad ottobre, «Anche perché vorrei suonare nei teatri, e d'estate non si può».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.