AtleticoDefina: 'Veniamo da generi diversi, ognuno è libero di mettere del suo'

Nel 2002 ha pubblicato con la sua band dell’epoca, i Volwo, l’album d’esordio “Viva Vittoria”, ha collaborato con Cristina Donà, Manuel Agnelli ed Emidio Clementi, e nel 2005 è ritornato sulla scena musicale con un nuovo progetto, gli AtleticoDefina.

Lui è Pasquale De Fina, cantautore e chitarrista che a distanza di due anni pubblica il suo nuovo disco dal titolo “Tutti amano tutti”. Il progetto è formato dallo stesso De Fina, da Saturnino Celani (storico bassista di Jovanotti) al basso, e da Giorgio Prette (batterista degli Afterhours) alla batteria: “Terminata l’esperienza con i Volwo”, spiega Pasquale a Rockol, “ho continuato a cercare di scrivere canzoni, lasciandomi influenzare da un determinato periodo, con nuovi stimoli e nuove ispirazioni. Con i Volwo è finita quando Max Peri – percussionista già al lavoro con i Rosso Maltese – ha deciso di smettere di suonare. Quel progetto aveva senso con lui alla batteria, il sound della nostra musica era caratterizzato specialmente dal suo modo di suonare, perciò una volta andato via lui, abbiamo deciso di separarci”.


“Io e Pasquale”, interviene Giorgio Prette, “ci conosciamo da quindici anni, ma non abbiamo mai fatto nulla insieme. I Volwo avevano una loro identità ben precisa, perciò non aveva senso collaborare ai tempi. Quando lui ha cominciato a farmi ascoltare dei nuovi provini mi ha detto che voleva che partecipassi al progetto degli Atletico, ma dopo aver sentito i brani, mi sono piaciuti talmente tanto che ho rifiutato la partecipazione e gli ho proposto di entrare a fare parte definitivamente del progetto. Gli Afterhours sono molto impegnativi”, aggiunge il batterista, “e non è facile gestirsi anche perché tutti noi abbiamo dei progetti paralleli. Cerchiamo di dedicarci in maniera continuativa ai live e alla promozione ma è molto difficile”.

“Anche con Saturnino ci conosciamo da una decina di anni”, prosegue De Fina, “Ci forniamo, io per le chitarre e lui per i bassi, dallo stesso costruttore, e così ci siamo conosciuti.

Gli ho fatto sentire alcuni pezzi e, come Giorgio, ha voluto entrare a far parte degli Atletico a 360 gradi”. Alla realizzazione del disco hanno partecipato anche altri artisti tra cui Syria, che canta con Pasquale nel brano “Sono io”, Pepe Ragonese alla tromba, Pancho Ragonese al pianoforte, Roberto Romano (già al fianco di De Fina nei Volwo) al sax tenore e al clarino, Valentino Finoli al sax alto, Marco Ferrara al contrabbasso, Giulio Dottori alle chitarre, Gianluca Mancini al fender rhodes, Cesare Basile al dobro, e Massimo Martellotta alla steel guitar: “È una situazione di scambi e partecipazioni”, spiega De Fina, “Ciò che mi interessava fin dall’inizio era creare una band che avesse queste caratteristiche che paradossalmente sembrano lontanissime: pensare Giorgio che suona mentre Syria canta è Saturnino sta al basso, può sembrare strano da fuori, in realtà è proprio il bello di questo progetto”. “Quando le collaborazioni nascono dai musicisti”, aggiunge Prette, “e non da una manovra di promozione dell’etichetta, vuol dire che la cosa funziona di sicuro e puoi permetterti di fare quello che vuoi, soprattutto quando un progetto nasce prima da un rapporto umano che artistico”. .


“Si sente nel sound questa caratteristica”, precisa De Fina, “Il jazz di Ragonese, il funky di Saturno, e il rock di Giorgio sono in totale libertà. Non sarebbero mai venuti fuori questi brani se ci fossimo imposti delle regole o dei metodi di composizione. Io portavo dei provini e in fase di registrazione ognuno suonava e ci metteva del suo: certe cose sono venute fuori solo suonandole, senza pensarci”. “Quando lui portava il materiale su cui lavorare”, prosegue Giorgio, “si capiva da subito che erano brani spontanei, che erano nati da una sincerità notevole e che lasciavano a noi musicisti la libertà di improvvisare. Nessuno di noi porta in questo progetto le influenze da cui proviene, abbiamo cercato di trovare una mediazione tra quello che è il nostro stile e le cose che non siamo abituati a fare. E’ questo uno degli aspetti più stimolanti: il divertimento di metterti alla prova facendo cose nuove con persone con cui non hai mai lavorato”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.