Samuel si è liberato dalle catene del tempo

L’artista è in uno dei momenti più intensi e prolifici della sua carriera: tour, album, direzione di festival, colonne sonore, esperimenti. Il nuovo singolo “Elettronica”, insieme al video di Ivan Cazzola, è un gioiello.
Samuel si è liberato dalle catene del tempo
Credits: Stefano Gai

“Mi ricordo di una scena che fotografa bene il mio carattere: eravamo in uno dei primi tour dei Subsonica, su un furgoncino. Bucammo. Neanche il tempo di rendercene conto che io ero già sceso e stavo cambiando la ruota. Alle difficoltà reagisco attivandomi”. Negli ultimi due anni, nonostante la pandemia e tutte le gravi difficoltà in cui si è ritrovata la musica dal vivo, al contrario di molti colleghi impantanati nel “blocco creativo”, Samuel si è trasformato in una tempesta d’arte fra album, festival, tour e nuove idee.

“Elettronica”, il suo nuovo singolo accompagnato dal videoclip diretto da Ivan Cazzola, è un gioiello: nella canzone dai ritmi elettronici e nelle immagini prendono forma momenti carichi di nostalgia e spensieratezza in una Torino notturna, ripercorsa dalla voce dei Subsonica e da un gruppo di amici in movimento, in auto, da un club all’altro. Le istantanee di repertorio che si trovano nel video sono parte del documentario “Falene”, realizzato dal regista Cazzola sulla storia dei grandi club torinesi, che incrocia luoghi iconici come i Murazzi del Po, Studio2, Docks Dora e altri.

Romantica malinconia a Torino

“Tutto è stato possibile grazie a delle intersezioni astrali – racconta Samuel – avevo appena scritto il nuovo pezzo con Andrea Bonomo e Dade dei Linea 77 in cui emerge un periodo storico dove un nuovo linguaggio sociale e una particolare ricerca si sono abbracciati, e lo hanno fatto in una città, Torino, che di quell’unione ha fatto un altare. Una lettera d’amore all’elettronica. Finito il brano, viene da me Ivan Cazzola che ha sempre avuto una visione culturale di Torino molto particolare, che nel tempo si è legata alla videoarte. Mi ha spiegato il suo progetto: un documentario che raccontasse del passaggio delicato dalla fine della città-fabbrica, costruita intorno alla Fiat, all’inizio di una nuova città notturna, viva, capace di stregare anche persone da fuori. Mi ha cercato perché voleva una mia testimonianza. E così ho preso la palla al balzo, ho chiesto di mettere una parte del suo materiale a disposizione del video che avrei voluto girare per ‘Elettronica’ ed è nato qualche cosa di magico. Più di un video. Le tecniche, infatti, sono cinematografiche e i filmati sono pazzeschi”.

Due notti che non si scordano. “Sì, abbiamo girato alcune scene, sostanzialmente quelle con me protagonista, in due notti piene di malinconia e romanticismo – continua Samuel – io sono espatriato tante volte dalla mia città. Ho vissuto a Roma, a Milano, oggi per metà dell’anno sono a Venezia, ma Torino non è mai stata lontana da me. Ho tutto del torinese, io mi sento Torino. Certo, quando la vedi da fuori ne percepisci pregi e difetti in modo più nitido, ma la Torino che ho vissuto io la si porta dentro per sempre. La ferita che si è riaperta, dopo aver girato il video, è quella nel vedere i Murazzi chiusi. Mi ricordo che con i Subsonica ci è capitato di fare una data in Veneto e poi di tornare indietro, nella notte, per arrivare a vedere l’alba illuminare il Po, che ha sempre avuto il potere di far scorrere le nostre vite. Oggi con la chiusura dei Murazzi, Torino è più ordinata, ci sono meno risse, meno bottiglie rotte abbandonate per terra, ma manca il rumore delle emozioni. Chi fa arte vuole essere disturbato, vuole quel rumore”.

Libero dal tempo

Samuel, come scritto, sta vivendo un momento creativo eccezionale. Vale la pena ricostruirlo tappa per tappa per capirne le ragioni. Nel novembre del 2019 i Subsonica hanno pubblicato “Microchip Temporale”. Nell’aprile aprile 2020 è uscito “Mentale Strumentale”, album inedito del gruppo registrato nel 2004. Da marzo 2020, Samuel ha dato vita a “Golfo Mistico", studio musicale diventato un hub multicreativo, dove si incontrano varie figure legate al mondo della musica, ma non solo. A luglio 2020 l’artista è tornato live con tre appuntamenti speciali in mezzo al mare delle isole Eolie e una tournée estiva. Nel gennaio 2021 ha pubblicato il secondo album solista “Brigata Bianca”. A maggio è uscito il singolo inedito “Cinema” con Francesca Michielin. Durante l’estate Samuel è stato direttore artistico dell’Eolie Music Fest e si è esibito live in tutta Italia sia con i Subsonica sia come solista. Ha scritto anche la colonna sonora del docu-film su Federica Pellegrini “Underwater”.

Tutto è partito dall’azzeramento del tempo che mi ha offerto il lockdown – sottolinea – la pandemia, nella sua fase più acuta, ha tolto le scadenze forzate, ha aperto le gabbie in cui per forza di cose rimani chiuso quando fai questo lavoro. E la creatività è esplosa perché io, di mio, reagisco ai problemi dandomi da fare. La pandemia mi ha scosso, concedendomi la possibilità di pensare maggiormente a quello che stavo creando. Non mi succedeva da anni di poter stare un giorno intero sulla frase di una canzone. Quell’abituale meccanismo di velocità forzata si è spento, mi sono liberato dalle catene del tempo: tutto quello che ho fatto arriva da lì. Anche questi inediti, che sto pubblicando liberamente, sono canzoni a cui tengo, uscite nel periodo di scrittura del mio ultimo album solista”.

Una nuova sfida creativa

Che cosa manca per chiudere il cerchio? “Mi piacerebbe organizzare incontri creativi capaci di generare altra creatività – conclude – mi spiego: se metti insieme un musicista, un cuoco e un barman e li lasci liberi di creare, nell’atto rimarranno influenzati dalla loro rispettiva vicinanza. Si trasmetteranno a vicenda delle sensazioni e delle emozioni che per forza di cose modificheranno anche il risultato finale. Questa creatività condivisa, questi mutamenti e condizionamenti creativi, possibili grazie a un’ampia interazione, mi interessano molto. Mi piace l’idea di organizzare eventi capaci di far dialogare le arti in questo modo. E visto che ho diversi amici musicisti, cuochi e barman, spero di farlo presto (sorride, ndr)”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.