“Summer of Soul”: Questlove racconta la Woodstock nera del 1969

Il batterista dei Roots e regista ha realizzato un docufilm recuperando le immagini del leggendario e dimenticato Harlem Cultural Festival: “Cambiò per sempre la cultura black”.
“Summer of Soul”: Questlove racconta la Woodstock nera del 1969
Credits: Office The Walt Disney Company (DISNEY ITALIA)

Lo storico batterista dei Roots Ahmir “Questlove” Thompson, nei panni di regista, presenta un documentario forte e appassionante, in parte film musicale e in parte analisi storica, nato dalla voglia di accendere i riflettori su un evento epico che ha celebrato la storia, il sound e la moda della black culture. “Summer of Soul”, proiettato in anteprima al Taormina Film Fest, sarà disponibile dal 30 luglio in esclusiva su Star all’interno di Disney+. Primo progetto ufficiale di Onyx Collective, è un lavoro mastodontico, intenso e coinvolgente che abbatte un muro, mostrando un pezzo di storia rimasto celato per mezzo secolo.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/tIfeZbo7nC_CcfEdf1aHS4EcloI=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/097-sos-00129-1.jpg


Nel corso di sei settimane durante l’estate del 1969, a soli 160km a sud di Woodstock, l’Harlem Cultural Festival fu ripreso dalle telecamere al Mount Morris Park (ora conosciuto come Marcus Garvey Park). “Queste riprese non furono mai viste dal pubblico e vennero dimenticate. Qualche cosa di assurdo…”, dice Questlove. “Summer Of Soul” nasce nel solco del recupero di quelle immagini incredibili e fa luce sull’importanza di quell’evento. Lo fa includendo anche esibizioni dal vivo inedite di artisti come Stevie Wonder, Nina Simone, Sly & the Family” Stone, Gladys Knight & the Pips, Mahalia Jackson, B.B. King, The 5th Dimension e molti altri. Un vero e proprio tesoro. “Sono venuto a scoprire che Jimi Hendrix aveva cercato di entrare nella scaletta del festival. Ma non riuscì. È un peccato, perché Jimi stava effettivamente vivendo un periodo di trasformazione della sua vita. Voleva tornare alle sue radici blues. Così decise di fare un sacco di concerti notturni dopo il festival, esibendosi con Freddie King per tre settimane ad Harlem”, svela Questlove.

Già acclamato dalla critica all'ultimo Sundance Festival, “Summer of Soul” racconta nel dettaglio quell’evento e il contesto sociale in cui si svolse. Il festival segnò in effetti la prima e più grande affermazione di massa del Black Pride: "Say it loud, i'm black and i'm proud", aveva cantato appena un anno prima James Brown, in uno dei suoi più famosi 45 giri, divenuto presto un inno per i neri di tutto il mondo. "Quell’anno, quel 1969, è diventato un simbolo perché ha rappresentato un cambio di percezione per i neri, per come si identificavano, per come si vedevano – sottolinea Questlove - prima di allora, chiamare qualcuno ‘africano’ era visto solo come un insulto. Questo aspetto rimase anche gli anni dopo purtroppo, ma è innegabile che quell’evento, con la forza di quella musica, rese più orgogliosi di quello che si era, fieri della propria appartenenza”.

Attraverso “Summer of Soul”, il musicista e regista fa scoprire le emozioni, i sentimenti, le paure, gli amori e le tante altre intense sinergie che attraversarono la calda estate del ‘69, piena di scontri ed eventi significativi. L’Harlem Cultural Festival fu definito all’epoca il Black Woodstock. In concomitanza con l’epocale manifestazione californiana, l’evento contò più di dieci stelle della musica blues, gospel e soul. "Il docufilm è un lavoro che può essere compreso su vasta scala, da almeno quattro generazioni che possono capire di che cosa parla – conclude Questlove - se sei di quella generazione, se eri lì in quel periodo, allora sai cosa stava succedendo. C'è poi una generazione successiva che potrebbe avere familiarità con alcuni degli artisti di allora. E poi ce ne è stata un’altra che ha familiarizzato con gli artisti attraverso i campionamenti e il linguaggio dell'hip hop. E poi l'ultima, come i Millennials e la Gen Z: quest’ultime sta vivendo molti avvenimenti che ricordano quegli anni. Questo in qualche modo ci unisce tutti".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.