Bono degli U2, Jay-Z, Alicia Keys: tutti gli ospiti del disco postumo di DMX

Esce il 28 maggio il primo album del rapper pubblicato dopo la morte: svelati dettagli e duetti.
Bono degli U2, Jay-Z, Alicia Keys: tutti gli ospiti del disco postumo di DMX

Bono degli U2, Jay-Z, Alicia Keys, Snoop Dogg. E poi Usher, Nas e anche il figlio Exodus Simmons: sono stati svelati tutti i dettagli del disco postumo di DMX, il rapper newyorkese scomparso lo scorso 9 aprile a soli 51 anni dopo un attacco di cuore causato da un'overdose (da tempo lottava contro le dipendenze da sostanze stupefacenti).

Intitolato semplicemente "Exodus", l'album arriverà nei negozi il prossimo 28 maggio per Def Jam e includerà brani realizzati da DMX, vero nome Earl Simmons, che non pubblicava un disco di inediti dal 2012 (l'ultimo fu "Icon"), insieme al frontman degli U2, alla voce di "Young forever", a quella di "No one". Dentro anche Lil Wayne, Westside Gunn, Conway the Machine, Benny the Butcher. Bono compare in "Skyscrapers", Jay-Z in "Bath salts", con Nas. Alicia Keys in "Hold me down", Snoop Dogg in "Take control", Usher in "Letter to my son (Call your father)". Ecco la tracklist completa:.

La scomparsa di DMX ha avuto nei giorni successivi alla notizia un impatto notevole sulle vendite e sugli ascolti delle sue canzoni sulle principali piattaforme di streaming. Il catalogo del rapper nelle prime 24 ore successive alla sua morte ha registrato sulle piattaforme un incremento del 928%, per un totale di 74,7 milioni di passaggi on demand. Un dato impressionante, se confrontato con l’andamento del repertorio nelle ore immediatamente antecedenti la scomparsa: tra il 7 e 8 aprile, quando il catalogo - “spinto” dalle notizie sulle sue condizioni critiche - aveva totalizzato “appena” 7,36 milioni di riproduzioni. Tra le canzoni più "richieste" dopo la morte di DMX, “Ruff Ryders’ Anthem”, “X Gon’ Give It To Ya”, “Slippin’” e “Party Up (Up In Here)”. 

Anche le vendite dei dischi del rapper - tra download e fisico - si sono impennate: con 101.000 copie smerciate tra album e raccolte nel periodo compreso tra il 9 e l’11 aprile il catalogo di DMX ha fatto segnare un incremento del 1036% rispetto al periodo compreso tra il 6 e 8 aprile, quando il dato era fermo ad appena 9000 unità.

“E’ un disco speciale”, ha anticipato a proposito di "Exodus" Darrin "Dee" Dean, cofondatore della Ruff Ryders Entertainment, per la quale incideva DMX, “probabilmente non si è mai sentita musica come quella che abbiamo fatto. Questo album è probabilmente uno dei suoi migliori, sicuramente un classico”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.