Bruce Springsteen: emersi nuovi dettagli sull’arresto per guida in stato di ebbrezza

Nei giorni scorsi il sito di gossip e intrattenimento statunitense TMZ ha riportato che lo scorso novembre il cantautore del New Jersey è stato arrestato con l'accusa di guida in stato di ebbrezza.
Bruce Springsteen: emersi nuovi dettagli sull’arresto per guida in stato di ebbrezza

Sono emersi nuovi dettagli sull’arresto di Bruce Springsteen, dopo che lo scorso 10 febbraio il sito di gossip e intrattenimento statunitense TMZ ha riportato la notizia che il 14 novembre 2020 il cantautore del New Jersey è stato fermato nella Gateway National Recreation Area a Sandy Hook e accusato di guida in stato di ebbrezza, guida spericolata e consumo di alcol in un'area chiusa. 

Una fonte vicino a Springsteen, intervenendo sulle pagine del "New York Post” per ridimensionare la vicenda dell'arresto del Boss, ha raccontato che l'artista non era ubriaco e che era in sella alla sua moto quando, prima di venir fermato dalla polizia, si è accostato in un’area del parco per scattare qualche foto con alcuni fan che gli hanno offerto un bicchierino di Tequila.

Nel verbale della polizia ottenuto da TMZ è riportato che durante l’arresto il musicista ha dichiarato a un agente di aver consumato “due shot di tequila nei 20 minuti precedenti”.

Il rapporto, oltre a riferire che “Springsteen puzzava fortemente di alcol” e che “aveva gli occhi spenti”, ha sostenuto che all’artista statunitense è stato chiesto di eseguire due test di sobrietà. Stando a quanto riferito, durante il test del nistagmo orizzontale - in cui viene chiesto alla persona di seguire con gli occhi, mantenendo la testa ferma, il movimento di una penna o un oggetto simile - Springsteen "ha osservato quattro indizi su sei”. Il verbale ha anche riferito che il Boss, sottoposto poi ai test di equilibrio, ha passato cinque prove su otto, compiendo 45 passi al posto dei 18 richiesti, e che si è rifiutato di fare l’etilometro. In precedenza una fonte al corrente dell'accaduto aveva riferito alla testata locale “Asbury Park Press” che il contenuto di alcol nel sangue di Springsteen era di 0,02, solo un quarto del limite legale consentito nello stato del New Jersey. La soglia massima è infatti di 0,08, il che ha messo in dubbio i motivi per cui l’artista sia stato fermato. .

Il caso, dal momento che l'arresto è avvenuto in un territorio federale, sarà ascoltato in un tribunale federale e sarà gestito dall'ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Newark. Stando a quanto riferito da una fonte vicina all’artista alla CNN e da quanto dichiarato alla rivista statunitense “Rolling Stone” da un avvocato del New Jersey specializzato in casi di guida in stato di ebbrezza, Glenn Kassman, le accuse contro Springsteen saranno difficili da dimostrare. "Non so perché sia stato fermato, certo, tecnicamente non è consentito bere in un parco federale e forse se l'agente vede qualcuno che beve deve per forza fargli un verbale per non perdere il lavoro, ma ne stanno facendo un'affare più grande di quello che è in realtà “, ha dichiarato la fonte vicina al Boss. Commentando il rapporto della polizia, Kassman, dal canto suo, ha sostenuto: “Secondo la mia esperienza non riusciranno a provare le accuse di guida in stato di ebbrezza sulla base di questo”. Ha aggiunto: “C’è un divario tra le probabili cause dell'arresto per sospetto di guida in stato di ebbrezza e le prove dietro il ragionevole dubbio che lo abbia fatto davvero”.

Tra le personalità che si sono schierate in difesa di Bruce Springsteen, interrogandosi sui motivi dell’arresto del cantautore, attraverso un post pubblicato su Twitter l’attore Alec Baldwin ha avanzato una personale teoria secondo cui il musicista sarebbe stato arrestato per motivi politici. “Mi chiedo se l'arresto di Springsteen abbia qualcosa a che fare con la sua politica”, ha scritto Baldwin. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.