Nitro a un evento in violazione alle norme anti-Covid: multato (anzi, no)

E’ successo nella serata di ieri a Desio, in provincia di Monza: i Carabinieri interrompono un parti con rap battle e buffet di sushi
Nitro a un evento in violazione alle norme anti-Covid: multato (anzi, no)

Aggiornamento, ore 11, mercoledì 9 dicembre - In una storia pubblicata sul suo account Instagram ufficiale, Nitro è intervenuto personalmente sulla vicenda: “Non potete immaginare come mi senta ora”, scrive il rapper, “Non voglio dire niente se non ribadire la gravità di accusare ingiustamente la mia figura professionale e artistica.

Io mi esprimerò con la mia musica e mi sentirete, perché la mia rabbia adesso non ve la meritate. Che bassezza”. Sempre nella medesima storia, l’artista ha pubblicato sia un frammento della clip di “Lotta armata” del collettivo hip hop Gente Guasta - nello specifico, la parte relativa ai versi “Quegli altri giocano War Games 2000 conosco la trafila / io so come infiltrarmi troppi bugs nei tuoi programmi / Tieni d’occhio i tuoi risparmi prima o poi mi paghi i danni! / Sto coi falliti che fanno crollare i miti deciditi / Sono convinto per questo spingo oltre limiti / restando coi piedi piantati per terra / Questo è l’hip hop col cazzo, questa è guerra! Chi non segue il gregge sa leggere tra le rime” - uno snippet di un’intervista di repertorio a Denzel Washington dove la star di Hollywood dichiara: “Se non leggi i giornali sei disinformato, se li leggi sei informato male”.

Aggiornamento, ore 17,40, martedì 8 dicembre - L'avvocato Andrea De Silvestri, legale della società Me Next Srl, ha diffuso un comunicato che riportiamo integralmente:

Con riferimento ai servizi televisivi trasmessi ed agli articoli pubblicati in data odierna da alcuni organi di stampa, circa il presunto svolgimento di “party rap” o altro supposto assembramento clandestino verificatosi la sera di sabato 5 dicembre u.s presso un negozio di elettronica di Desio, in qualità di legale della società Me Next S.r.l. intendo precisare quanto segue.

In primo luogo gli eventi in commento non concernono in alcun modo un party o un assembramento illegale né clandestino di alcun tipo, bensì riguardano lo svolgimento di attività lavorative della mia cliente la quale, per conto di un noto marchio di abbigliamento, ha organizzato lo svolgimento di una “battle” di freestyle, ossia una competizione di abilità tra rapper nell’improvvisare rime a cappella o su una base musicale, alla presenza del noto artista “Nitro” (Nicola Albera).

Tale contest è stato trasmesso in diretta sul canale Twitch della casa di produzione dell’evento, coinvolgendo il numero di addetti e tecnici necessario per la realizzazione di tale evento, complessivamente nella misura di circa venti persone.

Tutti i partecipanti e presenti erano stati preventivamente sottoposti a tamponi, con esito negativo come attestato dai documenti in possesso di ognuno dei presenti.

In totale difformità rispetto alle notizie riportate, si precisa che le forze dell’ordine intervenute, pur impedendo la continuazione della produzione in corso, non hanno effettuato alcuna sanzione anti-Covid, né rilasciato alcun verbale né tantomeno riscontrato violazione di alcuna norma igienico-sanitaria.

Ore 16 - Il ventisettenne rapper vicentino Nitro, all’anagrafe Nicola Albera, è stato multato nella giornata di sabato 5 dicembre, dai carabinieri della compagnia di Desio, in provincia di Monza: l’artista è stato sorpreso a partecipare a un evento organizzato in violazione alle norme anti-Covid in un negozio di informatica della cittadina brianzola.

Le forze dell’ordine, intervenute su segnalazione di alcuni cittadini intorno alle 23, hanno sorpreso - come riferisce la testata locale Monza Today, il TG Rai e l'edizione locale di Repubblica - Albera e un’altra ventina di persone intente a prendere parte a un evento - battezzato Mic Tyson, e con tanto di buffet di sushi a disposizione degli invitati - durante il quale si tiene una vera e propria rap battle. A tutti i partecipanti all’evento è stata comminata una multa di 400 euro per violazione del coprifuoco.

Mic Tyson è un appuntamento piuttosto consolidato per gli amanti del genere, che per assistere alle dirette Web delle battle devono pagare un biglietto sul sito ufficiale dell’iniziativa: forte di quasi 33mila iscritti sul canale YouTube ufficiale, la serie di eventi in streaming - il cui format è stato ideato da Nitro con DJ Ms - ha partner molto importanti, come - tra gli altri - Ubisoft, la consolle di casa Microsoft XBox, il canale di live streaming di Amazon Twitch, Machete Gaming (la branca dedicata ai videogiochi della factory fondata da Salmo ed Hell Raton, che proprio in questi giorni ha celebrato i dieci anni di attività) e Radio 105, una delle emittenti del gruppo Radiomediaset.

L'evento faceva parte di una tre giorni organizzata da Adidas Gaming Hub nello spazio PC Hunter, a Desio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.