UK: Ed O'Brien (Radiohead) e altri in parlamento contro lo streaming

La delegazione chiede di rivedere le percentuali legate alla ripartizione dei compensi. E c'è chi punta il dito contro Spotify.
UK: Ed O'Brien (Radiohead) e altri in parlamento contro lo streaming

C'è chi dice no. Ed O'Brien, tra i membri dei Radiohead, lo scorso lunedì si è presentato di fronte al parlamento britannico insieme ad una delegazione di musicisti, per protestare per quella che considerano un'asimmetricità nella ripartizione delle royalties derivanti dalla riproduzione di musica in streaming, che penalizzano gli artisti e favoriscono invece le case discografiche e le stesse piattaforme di streaming.

Alla commissione per la cultura la delegazione ha chiesto nuove leggi che regolino la ripartizione delle royalties. "È tutto così oscuro per colpa della mancanza di trasparenza", ha denunciato Ed O'Brien, che la scorsa primavera ha pubblicato il suo album d'esordio della sua carriera solista parallela alla band di "Creep", "Earth", "le etichette stanno guadagnando parecchio, mentre gli artisti sono in grosse difficoltà".

Il malcontento diffuso tra i musicisti da tempo è accresciuto in questi ultimi mesi, con la crisi del settore dei live, che da sempre rappresentano una fonte di guadagno importante per chi suona e che sono fermi da mesi a causa della pandemia.

Nadine, cantautrice nominata con il suo album "Kitchen Sink" ai Mercury Prize, tra i premi musicali più ambiti nel Regno Unito, ha fatto presente ai membri della commissione che i suoi guadagni dallo streaming sono così irrisori che ora, senza concerti, ha grosse difficoltà a pagare l'affitto della casa in cui vive: "Non guadagno abbastanza dallo streaming, anche se ho una forte e solida fanbase. Il denaro solitamente è un'indicazione del successo che uno ha, ma non in questo caso: io sono una musicista di successo ma non vengo pagata in modo equo per il lavoro che faccio. Penso che ci siano poteri più oscuri in gioco. Non voglio aggiungere di più, ma Spotify potrebbe favorire certi artisti (piuttosto che altri) in base ad accordi con certe etichette". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.