Jacques Brel: Google lo omaggia con un doodle

L'omaggio del motore di ricerca per l'anniversario della sua ultima esibizione.
Jacques Brel: Google lo omaggia con un doodle

È dedicato a Jacques Brel il doodle di Google oggi, 15 novembre. Chi è stato Jacques Brel - o meglio: cosa è stato - per la musica francofona del Novecento è impossibile riassumerlo. Parla la sua storia e la sua carriera, ventiquattro anni intensi spesi tra musica (l'esordio discografico nel 1954 con "Grand Jacques", prima di canzoni come "Ne me quittes pas", "Le moribond", "Ces gens-là", "La chanson des vieux amants", interpretate in italiano da - tra gli altri - Gino Paoli, Bruno Lauzi, Roberto Vecchioni, Patty Pravo, Franco Battiato - leggi anche: Jacques Brel: gli italiani l'hanno cantato così), cinema e teatro, prima del ritiro in Polinesia, nelle isole Marchesi, e la morte prematura, a soli 49 anni. Perché Google celebra l'artista proprio oggi? Perché il 15 novembre è la data della sua ultima esibizione pubblica, tenuta nel 1966 al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles (Brel, nome completo Jacques Romain Georges Brel, visse sì la maggior parte della sua vita a Parigi, ma nacque a Schaerbeek, in Belgio, un comune dell'agglomerazione urbana di Bruxelles).

Dopo l'ultima esibizione, tanti film: da "Les risques du métier" di André Cayatte (1968) a "Il rompiballe" di Édouard Molinaro (1973), passando per "Il fascino sottile della perversione" di Jean Valère (1970), "Inchiesta su un delitto della polizia" di Marcel Carné (1971) e i suoi "Franz" e "Le Far-West" (rispettivamente 1971 e 1972).

Negli anni lo hanno omaggiato, riproponendo i suoi brani, Dalida, Céline Dion, Nina Simone e David Bowie, che all'inizio degli Anni '70 incise una cover di "Amsterdam".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.