John Lennon, quasi 40 anni dalla morte: la storia di "Give peace a chance"

L'8 dicembre saranno quarant'anni dalla scomparsa dell'ex Beatles: lo ricordiamo con nove sue canzoni
John Lennon, quasi 40 anni dalla morte: la storia di "Give peace a chance"

“L'impressione”, disse Lennon nel 1969, “era che la stampa avrebbe scritto di noi se anche solo avessimo dato un colpo di tosse: pensammo che fosse triste usare lo spazio nei giornali per cose del genere”.

Il carisma di John si unì alle istanze avanguardistichedi Yoko Ono concretizzandosi nel concetto di Bed-In For Peace prima all’Hotel Hilton di Amsterdam, poi a Montreal. John e Yoko restarono sotto le lenzuola della stanza 1742 del Queen Elizabeth Hotel della città canadese tra il 26 maggio e il 2 giugno. La stanza in cui si tenne il bed-in fece da sfondo alla leggendaria registrazione di "Give Peace A Chance", effettuata il 31 maggio 1969. Concepita dal solo John come inno del movimento pacifista internazionale, la canzone venne firmata dal binomio LennonMcCartney su decisione del suo autore sebbene Paul non ne avesse composto nemmeno un verso.

L'8 dicembre, a 40 anni dalla morte di John Lennon, Rockol pubblicherà un ampio speciale a lui dedicato.

John Lennon, 40 anni dalla morte: leggi tutti gli articoli


Il brano nacque letteralmente nel corso dei sette giorni del bed-in, come dimostrato dalle immagini del documentario "John & Yoko: The Bed-In". Di ora in ora, Lennon aggiunse un verso con quello spontaneismo illuminato che gli era proprio: le strofe, costituite da una sequela di versi privi di un particolare significato, lasciano in realtà spazio al corale respiro del ritornello, uno dei più popolari dell’intera discografia lennoniana. Noleggiata un’attrezzatura professionale per le registrazioni, John si mise al lavoro: l’attore comico Tommy Smothers e lo stesso Lennon suonarono gli accordi di base alle chitarre acustiche, il deejay Roger Scott teneva il tempo percuotendo il piano di un tavolo e un coro intonava le strofe del brano, scritte su grandi fogli bianchi dallo stesso Lennon.

Domani racconteremo la storia di "Imagine"

Il testo sopra riportato è tratto da "John Lennon", pubblicato nella collana "La storia del rock - i protagonisti" curata da Ezio Guaitamacchi per Hoepli Editore, per gentile concessione del curatore e dell'editore.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/gJ9Qy-CFpq9wLcBU4qxOfuv0yMw=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/lennon-hoepli.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.