Vinicio Capossela, il suo primo disco ha 30 anni: parla Antonio Marangolo

Nel trentennale dell'uscita dell'album di debutto del cantautore, "All'una e trentacinque circa", i ricordi del sassofonista che suonò nell'album e lo produsse
Vinicio Capossela, il suo primo disco ha 30 anni: parla Antonio Marangolo

Siciliano di Acireale, Antonio Marangolo - classe 1949, fratello di Agostino, batterista noto per le collaborazioni con, tra gli altri, Goblin, Pino Daniele, Antonello Venditti, Riccardo Cocciante, Edoardo Bennato e Niccolò Fabi - ha debuttato nella prima metà degli anni Settanta militando nelle prog band Flea on the Honey e La Famiglia degli Ortega: compositore, arrangiatore e sassofonista, Marangolo ha accompagnato in studio e sui palchi artisti come Rita Pavone, Nada, Sergio Caputo, Ivano Fossati, Antonello Venditti e Ornella Vanoni, per poi instaurare, tra il 1982 e il 1990, una salda e prolifica collaborazione con Paolo Conte. Storico sodale di Francesco Guccini - tanto da essere ancora, insieme a Juan Carlos “Flaco” Biondini, Vince Tempera, Pierluigi Mingotti e Ivano Zanotti, nei Musici, la storica backing band del Maestrone - Marangolo dal 2014 ha affiancato alla carriera musicale anche quella di scrittore, pubblicando per Mondadori il romanzo "Complice lo specchio". Arrangiatore dei primi tre album di Vinicio Capossela, l'artista - insieme a Jimmy Villotti ed Ellade Bandini - oltre che alla session di "All'una e trentacinque circa", ha preso parte in veste di musicista alle registrazioni di due album di Paolo Conte, l'eponimo disco dell''84 e "Aguaplano" dell''87, accompagnando il cantautore astigiano in occasione dei suoi primi concerti parigini.

"Il mio impatto con le canzoni di 'All'una e trentacinque circa' fu innanzitutto professionale: per prima cosa, dovevo capire se mi sarebbe stato possibile arrangiarle con lo stile che avevo allora, che era molto vicino a quello di Paolo Conte. Una volta trovata la direzione, iniziai a ragionare come ragiono di solito approcciandomi a una nuova composizione, cioè in modo molto semplice: ogni canzone, in sé, ha già un arrangiamento nascosto che aspetta di essere scoperto, e che parte innanzitutto dalla ritmica. E' quella che bisogna indovinare. In pochi ci riescono: gli italiani tendono a scrivere molto, utilizzando quasi sempre ritmi rock che tendono in diversi casi a rivelarsi inadeguati. Riempire un arrangiamento di frasi melodiche è facile, ma è la ritmica la cosa più importante".

"Sapevo che avrei lavorato con Villotti e Bandini, sulla resa delle session non ho mai avuto dubbi. Poi Capossela era sorprendentemente preparato, per la sua età: a differenza di tanti suoi coetanei, conosceva gli standard jazz. Capimmo subito che l'atmosfera sarebbe stata quella di artisti come Buscaglione o Carosone, infatti ripristinammo - nell'ensemble - il contrabbasso, che, Paolo Conte a parte, all'epoca era completamente sparito dalla circolazione. Nessuno si aspettava da un ventenne una preparazione del genere. Fummo tutti sorpresi, in primis Guccini [che fece avere a Fantini la demo di Capossela], che notò in lui una verve diversa. Lavorare a 'All'una e trentacinque circa' fu come preparare un piatto con diversi passaggi di cottura, dove gli ingredienti giusti devono essere aggiunti al momento giusto".

"Ero un tipo di arrangiatore piuttosto dittatoriale, e questi musicisti - tutti bravissimi, alcuni anche più anziani di me - mi seguivano ciecamente, soprattutto Ellade [Bandini]. Vinicio era troppo giovane per protestare, ma a lui quello che stavamo facendo andava bene. E poi c'era Fantini: il suo apporto è stato fondamentale nel limitare le smanie di noi musicisti. Quando passavamo il limite ci fermava subito. Per quel che mi riguarda, è stato il più grande manager musicale di sempre, e il suo punto di forza era il buon gusto. La sua perdita è stata devastante: aveva una capacità incredibile di valorizzare i musicisti, sia in studio che dal vivo. Dopo la sua scomparsa, non ho più incontrato nessuno come lui".

"Capossela, durante le session, era attonitamente felice: è stato uno degli ultimi artisti, se non addirittura l'ultimo, ad aver avuto la possibilità di firmare un buon contratto discografico, con anticipi congrui e una pianificazione a lungo termine. All'epoca di 'All'una e trentacinque circa' pendeva dalle nostre labbra, ma era chiaro che fosse in procinto di formarsi una personalità, che poi si sarebbe rivelata nel suo secondo disco ['Modì'], consolidata nel terzo ['Il ballo di San Vito'] ed esplosa dal quarto ['Canzoni a manovella'] in poi, quando decise di prendere una strada diversa, più vicina alle atmosfere balcaniche di Goran Bregović. Strada che ha fatto bene a prendere ma che non ho condiviso con lui, perché - per quelli che sono i miei gusti - non avrei saputo come aiutarlo".

"Ai Condulmer Studio stavamo tutti insieme, in questa villa bellissima, con piscina e ristorante interno. Fu un periodo di isolamento completo dal mondo, senza giornali, TV e distrazioni. Solo noi e la musica, a registrare e riregistrare, per venti giorni, che - per un disco come quello che stavamo facendo - forse sono stati anche troppi. La cosa, tuttavia, non ci pesò. Anzi: alla fine fu quasi difficile tornare a casa".

"Per 'All'una e trentacinque circa', in quando opera prima, non fu stanziato un grande budget: produttore e arrangiatore devono tenere conto anche di questo, quando assemblano gli organici in vista delle session. Già 'Modì', in questo senso, fu più ricco [con le partecipazioni di, tra gli altri, Andrea Braido e 'Flaco' Biondini alle chitarre, Ares Tavolazzi al basso e Mark Harris all'Hammond], tale da potersi permettere anche una discreta sezione d'archi, fino a 'Camera a sud', album ricchissimo per la quale venne mobilitata la crème del jazz italiano, da Paolo Fresu ad Antonello Salis, e una vera e propria orchestra d'archi".

"Quando riascoltai per la prima volta 'All'una e trentacinque circa' dopo le session di registrazione probabilmente non ne intuii il potenziale, ma Fantini sì. Lui ne era sicuro: sosteneva che Capossela, nel giro di tre album, sarebbe riuscito a conquistare uno zoccolo duro di fan che l'avrebbero sostenuto per tutta la sua carriera. Il tempo gli ha dato ragione".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.