Sono tornati i Greta Van Fleet

Dopo un anno di silenzio discografico, la band del Michigan pubblica un nuovo singolo.
Sono tornati i Greta Van Fleet

L'anno scorso dei Greta Van Fleet si è parlato davvero moltissimo. Nel bene: il loro album d'esordio “Anthem of the Peaceful Army” (leggi qui la nostra recensione) ha ricevuto larghi consensi di critica e pubblico e per i ragazzi del Michigan si sono usate definizioni come 'futuro del rock'. Nel male: in molti hanno avanzato l'ipotesi che fossero talmente simili ai Led Zeppelin, partendo dalla voce del cantante Josh Kiszka, che alle loro spalle ci fosse una certa strategia.

Tanto se ne è parlato nel 2019, quanto – fors'anche complice la pandemia - se ne è taciuto nel 2020. Almeno fino ad oggi, perché i ragazzi sono tornati con un nuovo singolo, “My Way, Soon”. Il loro silenzio durava da circa un anno, dall'uscita di "Always There", brano inserito nella colonna sonora di 'A Million Little Pieces' diretto dal regista Sam Taylor-Johnson.

Caricamento video in corso Link

Su “My Way, Soon”, un comunicato stampa riporta la seguente dichiarazione di Josh Kiszka: "Questa canzone è stata ispirata da tutte le porte che tre anni di tour ci hanno aperto. È la mia verità, quello che sento riguardo tutti i nostri viaggi, ma so che si tratta delle stesse esperienze e cambio di prospettive anche per Jake, Sam e Danny”. A quanto è dato sapere il nuovo singolo fa storia a sé e non è legato alla pubblicazione di un nuovo album.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/FQdcRtDNzDOPYzTderf3fgNuF1c=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/greta-van-fleet-my-way-soon-single-art.jpg

Daniel Wagner, il batterista, ha spiegato: “La nostra definizione di ‘normale’ si è ampliata molto nel corso degli ultimi due anni, e ha ci influenzato come musicisti, specialmente nella scrittura e nella registrazione di questo nuovo album. Abbiamo realizzato che, mentre stavamo crescendo, ci siamo dovuti proteggere da tante cose, di cui eravamo all’oscuro. Quando siamo stati gettati dentro questo mondo immenso, inizialmente è stato un po’ uno shock culturale”.

“Abbiamo visto come le persone vivono in diverse parti del mondo”, ha aggiunto Samuel Kiszka, “e abbiamo sviluppato un rispetto reale per le differenti culture e genti. Siamo passati dal guidare lungo un’autostrada per esibirci e vedere baraccopoli senza fine a San Paolo in Brasile, a suonare in alcuni dei posti più ricchi della Terra”.

Chiude infine il chitarrista Jake Kiszka: “Abbiamo visto tantissimo – culture, persone e tradizioni tutte differenti – ma abbiamo capito anche quanto noi siamo simili a queste società così lontane da noi. Mi ha sorpreso constatare quanto siamo vicini in questo senso”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.