Taylor Swift 'riammessa' dopo sette anni nel tempio del country (con censura)

La cantautrice è tornata ad esibirsi sul palco dell'evento, appuntamento imprescindibile per gli amanti del genere, a Nashville. Niente statuette, stavolta.
Taylor Swift 'riammessa' dopo sette anni nel tempio del country (con censura)

Dai palchi dei grandi eventi pop come gli MTV Video Music Awards e i Billboard Music Awards a quello dell'Academy of Country Music, appuntamento imprescindibile per gli amanti del genere: Taylor Swift è stata "riammessa" dopo sette anni di assenza nel tempo della musica country, accanto a star della scena come Keith Urban (che ha condotto l'evento) Carrie Underwood, Miranda Lambert e Tim McGraw. La 55esima edizione della cerimonia di consegna dei prestigiosi premi che vengono ogni anno assegnati agli esponenti del country che si sono distinti con i rispettivi lavori nell'ultima annata discografica si è svolta stanotte a Nashville, in Tennessee (l'evento era originariamente in programma lo scorso 5 aprile a Las Vegas, in Nevada, ma è stato rinviato a causa dell'emergenza epidemiologica da Covid-19), e ha visto il ritorno della 30enne popstar, che mancava dal 2013. Merito di "Folklore", l'album che Taylor Swift ha pubblicato a sorpresa lo scorso luglio (qui la nostra recensione) e che l'ha riportata ai suoni e alle atmosfere degli esordi, quando - da ragazzina tutta acqua e sapone - giocava a fare l'erede di Shania Twain, star del country americano Anni '90, prima della svolta elettronica di "1989".

Sul palco del Grand Ole Opry di Nashville, una delle tre location che hanno ospitato l'edizione speciale dell'evento, insieme al Ryman Auditorium e al Bluebird Cafe, Taylor Swift - che è nata a Reading, in Pennsylvania, ma è cresciuta proprio nel Tennessee, a Handersonville: nel 2018 non mancò di sostenere pubblicamente sui social due democratici dello stato candidati nella corsa di mid-term negli Stati Uniti contro i repubblicani di Trump, a testimonianza del suo stretto legame con il Tennessee - ha suonato "Betty" accompagnandosi alla chitarra.

Del brano, uno dei singoli inclusi proprio all'interno di "Folklore", la cantautrice ha proposto però la versione "censurata", con il verso del ritornello "Would you tell me to go straight to hell" sostituito a quello della versione originale presente nel disco, "Would you tell me to go fuck myself?".

Caricamento video in corso Link

La partecipazione di Taylor Swift all'Academy of Country Music 2020 si è limitata solo all'esibizione sulle note di "Betty": la cantautrice, che in passato ha vinto ben otto premi sul palco dell'evento, quest'anno è tornata a casa senza statuette, se non altro perché "Folklore" è uscito a luglio, quando le nomination della 55esima edizione della manifestazione erano già note da tempo. Tra i più premiati Luke Combs, Maren Morris, Thomas Rhett e Tenille Townes. Per Taylor se ne riparlerà, con molta probabilità, nel 2021. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.