Addio a Sam Lloyd, Ted nella serie ‘Scrubs’: la sua anima musicale dal quartetto a cappella all’air banding

L'attore statunitense aveva un tumore al cervello: è mancato all'età di 56 anni. Lasciando, oltre alle sue interpretazioni da attore, anche sacchetti musicali memorabili.
Addio a Sam Lloyd, Ted nella serie ‘Scrubs’: la sua anima musicale dal quartetto a cappella all’air banding

È venuto a mancare, all’età di 56 anni, l’attore statunitense Sam Lloyd, noto ai più per aver interpretato la parte dell'avvocato dell'ufficio legale dell’Ospedale del Sacro Cuore della serie di Bill Lawrence “Scrubs - Medici ai primi ferri” - che ha fatto il suo debutto nel 2001 per poi proseguire fino al 2010, quando è stata trasmessa l’ultima stagione della serie -, Theodore Buckland, detto Ted. L’attore aveva un tumore al cervello e ha recitato anche in diverse altre serie come, tra le altre, “Modern Family” e "Desperate Housewives”. Resta, però, la sua parte di “Scrubs” la più amata dal pubblico, specie da quello italiano. 

Il personaggio di Theodore Buckland, oltre a svolgere, con sguardo perennemente cupo, la parte dell’avvocato della struttura ospedaliera, ha anche un forte legame con la musica: Ted è infatti l’anima del gruppo a cappella The Blanks, un quartetto di impiegati del Sacro Cuore che spesso accompagna le avventura dei medici di “Scrubs” con il suo commento sonoro. Qui ad esempio i Blanks cantano “She’s a Maniac”,

Caricamento video in corso Link

mentre qui si prodigano davanti a un estrerrefatto JD in "Don't Fear the Reaper"

Caricamento video in corso Link

e qui cantano “l’unica canzone che conosciamo sui bambini”, "I Want My Baby Back, Baby Back, Baby Back".

Caricamento video in corso Link

Ted è anche la mente di una delle trovate più apprezzate dai fan dell’intera serie, l’air band messa in piedi nel nono episodio della quinta stagione della serie, che coinvolge anche il chirurgo Turk e il misterioso “Inserviente”. Qui la loro memorabile interpretazione di “More Than a Feeling”:

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.