Pearl Jam, “Gigaton”: la storia di “Whoever said”

Il nuovo album dei Pearl Jam, una canzone al giorno: la genesi, i dettagli, il testo
Pearl Jam, “Gigaton”: la storia di “Whoever said”
Credits: Danny Clinch

È finalmente arrivato  “Gigaton”, il nuovo album dei Pearl Jam. E’ il primo lavoro della band da sei anni e mezzo, ed è il più a fuoco da molto tempo a questa parte: un disco che unsice la sperimentazione al classico suono del gruppo di Seattle, rinfrescato dalla presenza di un nuovo produttore, Josh Evans (qua la nostra intervista) .12 canzoni che vanno dal rock alle ballate, con testi incredibilmente attuali, che parlano di resistenza in un mondo impazzito.

A partire da oggi Rockol vi accompagna ogni giorno con il racconto di ogni canzone dell’album, mentre qua trovate lo speciale di Rockol a "Gigaton". Qua invece la recensione completa del disco.

ASCOLTA/COMPRA ORA "GIGATON" DEI PEARL JAM

Partiamo da “Whoever Said”: un inizio perfetto. 
Parte come un rocker dritto, chitarre pulite e voce intensa: “Who ever said it’s all been said gave up on satisfaction”. Poi rallenta, con un inciso in cui la voce di Vedder si fa più emotiva:

“Home is where the broken heart is
Home is where every scar is
(...)
“Swallow my pencil and bleed out my pen
surrender the wish we’ll be together again
But I won’t give up on satisfaction

Poi cambia ritmo di nuovo, poi riparte ancora.
Una canzone scritta da Vedder, che musicalmente ricorda “Marker in the sand” (2006) per i cambi di ritmo. Ed un testo che introduce i temi del disco: reagire ai tempi che corrono, non lasciarsi andare. Sono i Pearl Jam, iper riconoscibili e intensi come sempre, ma guardano avanti.

Dall'archivio di Rockol - La storia dei Pearl Jam: quella cassetta da San Diego
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.