Coronavirus, ufficiale: Coachella posticipato a ottobre

Il più importante festival statunitense è rinviato a ottobre.
Coronavirus, ufficiale: Coachella posticipato a ottobre

Goldenvoice, la società madre del festival Coachella, ha annunciato che l’edizione 2020 della grande manifestazione musicale ospitata dai campi dell'Empire Polo Fields di Indio, in California, non si svolgerà, come previsto, il secondo e il terzo weekend di aprile ma è rinviata a ottobre a causa dell'emergenza Coronavirus.

Quest’anno, quindi, il Coachella Valley Music and Arts Festival - che tradizionalmente apre la stagione degli eventi dal vivo all’aperto negli Stati Uniti - si terrà il 9, il 10 e l’11 ottobre e poi il 16, 17 e 18 ottobre.

Oltre al rinvio del Coachella, è stata comunicata la posticipazione del Stagecoach, uno dei più importanti festival country al mondo. La manifestazione, che si sarebbe dovuta svolgere nella stessa area del Coachella dal 24 al 26 aprile, si terrà il 23, 24 e 25 ottobre. 

“Sotto la direzione del County of Riverside e delle autorità sanitarie locali, tristemente dobbiamo confermare che Coachella e Stagecoach sono posticipati a causa del COVID-19”, recita il comunicato diffuso sui canali social del Coachella dagli organizzatori. “Mentre questa decisione arriva in un momento di incertezza universale, ci teniamo alla sicurezza e alla salute dei nostri ospiti, dello staff e della comunità. Invitiamo tutti a seguire le linee guida e i protocolli proposti dai funzionari della sanità pubblica.”

Come si legge nella nota, i biglietti acquistati per le date di aprile saranno validi per le date di ottobre. Maggiori informazioni riguardo al rimborso saranno comunicate il prossimo 13 marzo.

Annunciata lo scorso mese di gennaio, la line up dell’edizione 2020 del Coachella presentava i nomi di Rage Against the Machine, freschi di reunion, Travis Scott e Frank Ocean. Tra le band e gli artisti che si sarebbero dovuti esibire sul palco della manifestazione ad aprile, ci sono anche i nomi di Calvin Harris, Lewis Capaldi, Flume, il frontman dei Radiohead Thom Yorke, il rapper DaBaby, Lana Del Rey, FKA Twings, Fatboy Slim e tanti altri.

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.