Beatles, i 50 anni di “Let it be”: la storia dell’album (ultima parte)

L'ultimo (cronologicamente, per data di pubblicazione) album dei Beatles è stato pubblicato l’8 maggio di 50 anni fa. Per festeggiarne l’anniversario dal 23 aprile vi abbiamo raccontato le canzoni del disco, e oggi parliamo della storia dell’album

Beatles, i 50 anni di “Let it be”: la storia dell’album (ultima parte)

Quello che era stato il progetto “Get back” non venne più ripreso fino al 23 marzo del 1970, quando, su richiesta di John Lennon e di George Harrison, il produttore Phil Spector mise mano al materiale su cui aveva già lavorato Glyn Johns, con l’intento di ricavarne un album che si sarebbe intitolato “Let it be”.

Spector applicò al materiale le sue personali tecniche di produzione, sovraincidendo alle esecuzioni originarie archi e cori femminili. Spector curò l’editing, il mixaggio e le registrazioni supplementari fino al 2 aprile 1970.

Il lavoro di Spector fu causa di un’ulteriore tensione fra Paul McCartney e gli altri Beatles; il bassista era furioso per gli interventi effettuati da Spector sulle sue canzoni – tanto che parecchi anni più tardi fu l’istigatore della realizzazione di una versione “de-spectorizzata” dell’album intitolata “Let it be... naked” pubblicata nel 2003. Anche George Martin, che pure aveva avuto un ruolo importante delle registrazioni effettuate nel gennaio dell’anno precedente, non apprezzò gli interventi di Spector: ringraziato sulla copertina del disco, ma non accreditato, osservò che nei crediti si sarebbe dovuto scrivere “Prodotto da George Martin, ‘troppoprodotto’ da Phil Spector”.

“Let it be” fu pubblicato in UK l’8 maggio, in USA l’11 maggio, quando ormai la notizia dello scioglimento dei Beatles era di pubblico dominio. Anche per questo motivo, l’album raggiunse, negli Stati Uniti, la cifra record di 3.700.000 copie di sole prenotazioni.

Caricamento video in corso Link

I testi sono tratti dal libro di Franco Zanetti “Il libro (più) bianco dei Beatles”, pubblicato da Giunti, per gentile concessione dell’autore e dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “Let it be” e di tutte le altre canzoni dei Beatles.

Leggi qui la storia dell'album (parte seconda)

Leggi qui la storia dell'album (parte prima)

Leggi qui la scheda di “Get back”

Leggi qui la scheda di “For you blue”

Leggi qui la scheda di “The long and winding road”

Leggi qui la scheda di “One after 909”

Leggi qui la scheda di “I’ve got a feeling”

Leggi qui la scheda di “Maggie Mae”

Leggi qui la scheda di “Let it be” (seconda parte)

Leggi qui la scheda di “Let it be” (prima parte)

Leggi qui la scheda di “Dig it”

Leggi qui la scheda di “I me mine”

Leggi qui la scheda di “Across the universe”

Leggi qui la scheda di “Dig a pony”

Leggi qui la scheda di “Two of us”​

Qui la copertina del libro

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/jfaC5DfYViNNFU98Ql6JkM8QNbA=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/beatles-giunti-copertina.jpg

Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.