FKA twigs al Fabrique: l’esorcismo del dolore attraverso l’arte

La cantautrice britannica incanta il pubblico con uno show magnetico in cui musica, teatro e danza si abbracciano

FKA twigs al Fabrique: l’esorcismo del dolore attraverso l’arte

C’è qualche cosa di sciamanico e metafisico nelle danze e nella musica di FKA twigs: un’aliena scesa sulla terra, fra i mortali che l’hanno venerata al Fabrique di Milano. Una ritualità ancestrale e allo stesso tempo futurista, in un tripudio di arti messe in scena con il fine di combattere il mostro che più affligge gli umani: il dolore. Le ombre lunghe della malattia (la  rimozione di sei fibromi uterini), e la fine di un amore (la separazione dall’attore Robert Pattinson a un passo dall’altare), annegano nei balli tribali, nella pole dance e nelle canzoni commoventi e viscerali della cantautrice e danzatrice britannica. Sacralità ultraterrena e fragilità umana: come la Maria Maddalena, figura il cui nome è anche il titolo dell’ultimo disco di FKA twigs. Il concerto si apre con un’eterea “Water me”, Tahliah Debrett Barnett, questo il suo vero nome, è da subito inafferrabile. Ma è dal terzo e dal quarto brano, “Figure 8” e “Video girl”, che il concerto muta, trasformandosi in una performance di pop contemporaneo in cui convivono anche danza e teatro. L’artista entra ed esce dal palco avvolta dai leggeri fumi di scena, e mentre la sua magnifica voce passa fra più dimensioni, il suo corpo di ballo, formato da quattro danzatori, inizia un rituale a cui sarà invitato a partecipare anche il pubblico per quasi tutta l’ora e mezza di live. “Home with you” è una delle apoteosi del “non tempo” creato dall’artista: un pianeta sonoro e visivo che non ha un anno di nascita. Mentre lei canta “I wonder if you think that I could never help you fly”, i ballerini realizzano un gioco di sguardi e maschere che ricorda il teatro greco antico. La circondano tenendo in mano e indossando volti che fissano twigs, la attorniano e poi, libera, la sollevano e la innalzano al cielo. Gli occhi del pubblico sono letteralmente rapiti da una visione che apre la porta a un’altra parte simbolo del concerto. La cantautrice impugna una spada, combatte con i suoi demoni, trafigge l’oblio e fa cadere il sipario alle sue spalle. Un colpo di scena. Dentro una struttura metallica rialzata compare la sua band, formata da tre elementi, che sembrano i protagonisti di un film distopico sul futuro, stile Mad Max. Anche lei è cinematografica, non solo nella performance, ma anche nell’immagine: con abiti lunghi, merletti, gonne che compaiono e scompaiono, sembra un pirata del futuro. “Sad Day” arriva come una cannonata al cuore.

Il concerto cambia passo, si inspessisce ancora e raggiunge degli apici con interpretazioni da brividi come quella di “Mirrored heart” in cui la sua voce scava dentro chi l’ascolta, si arrampica e fluttua. L’esorcismo della malattia che ha messo a dura prova il suo corpo, si compie con un intermezzo di pole dance durante cui twigs si attorciglia al palo, si contorce, mostra tutta la sua bellezza e femminilità. Suadente e carnale, fra sacro e profano. È l’estasi del pubblico. Solo dopo “Two weeks” pronuncia poche parole: “Thank you, I love you”. E sorride. La freddezza di cui spesso la si accusa si infrange dentro il calore di uno show a tratti perfetto per intensità e ritmo. Il live si chiude con “Cellophane”: lei è immobile, solo qui si ha l’impressione di assistere a un concerto “normale”. Il magnetismo con il pubblico è totale. Il rito richiesto e voluto dalla dea twigs è compiuto. Applausi scroscianti e perfino lacrime che bagnano il volto di alcuni fan mettono fine alla performance. Poi il suo abbraccio con la band e con il corpo di ballo. Un abbraccio fortissimo. Molto umano.

(Claudio Cabona)

Scaletta:

Water me
Pendulum
Figure 8
Video Girl
Mary Magdalene
Home with you
Sad Day
Fukk Sleep
Holy Terrain
Daybed
Mirrored heart
Papi Pacify
Two Weeks
Cellophane

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.