“Los Angeles”, The Kolors con Gué Pequeno: "Il nuovo disco è pronto"

Il trio segue il percorso intrapreso con "Pensare male", sposando sonorità anni '70 e '80: "Volevamo qualcuno che fosse un grande del passato e del presente, creando un ponte temporale, fra storia e modernità. Gué era perfetto rappresenta più ere del rap"

“Los Angeles”, The Kolors con Gué Pequeno: "Il nuovo disco è pronto"

Sintetizzatori, accenni funk e sonorità calde, venate da un testo introspettivo in cui le distanze sembrano incolmabili e il futuro incerto. Tornano i The Kolors con “Los Angeles”, brano che vede la collaborazione di uno dei re dell’hip-hop italiano: Gué Pequeno. Il trio rock segue la strada tracciata da “Pensare male”, uscito lo scorso marzo, e cantato insieme a Elodie. “Sono due pezzi che hanno riferimenti precisi agli anni ’70 e ’80 – racconta Stash, voce e chitarra della band – tutto è nato quando ho preso in mano la chitarra che ho ereditato da mio padre, strumento di fine anni ’70. Ho iniziato a suonare “Eye in the Sky” degli Alan Parsons Project e sentivo che stavo andando dove volevo, quell’universo sonoro mi rappresenta in pieno».

Il nuovo singolo ha un abito vintage, ma non si piega a scimmiottamenti. “No, non volevamo prendere quei suoni e copiarli, non avrebbe avuto senso, cercavamo una canzone fresca – continua Stash – così abbiamo suonato tutti gli strumenti del pezzo: chitarra, batteria, sintetizzatori e altro, non c’è nulla di riprodotto a tavolino”. Ma che cosa ha portato Antonio Stash Fiordispino, Alex Fiordispino e Daniele Mona, gli altri due componenti del gruppo, a incrociare i destini con Gué? “Volevamo qualcuno che fosse un grande del passato e anche del presente, creando un ponte temporale, fra storia e modernità, che è uno dei fulcri della canzone – sottolinea Stash – Gué era perfetto perché rappresenta più ere del rap. Quando entra lui nel brano, il testo assume ancora più significato e il mondo che volevamo creare raggiunge l’apice. Gué è un grandissimo professionista che ha sposato la nostra visione della canzone, non era scontato”.

Ad accompagnare l’uscita del brano anche il video diretto da Gianluigi Carella: “Los Angeles” è come una polaroid di uno stato d’animo, che inizia da un calice in un bar italiano e termina sull’infinito lungomare della California. E anche sul piano testuale c’è una continuità con “Pensare male”. “Spesso le canzoni più belle non nascono da figate, ma da momenti inquieti – confida Stash – sono brani da malinconia al neon. C’è colore, c’è energia, ma si percepisce anche la difficoltà di un rapporto umano. In “Los Angeles” non è detto che sia amore, qualcuno può anche rivedere riflessa un’amicizia. Nel passaggio “forse non ci andremo più io e te a Los Angeles” c’è quel sentimento di incertezza in cui credo molte persone si potranno rivedere”. Se il futuro dei protagonisti del brano è imperscrutabile, quello della band è certo. “Il nuovo disco è pronto – conclude – dobbiamo capire quando uscire. Adesso ci stiamo preparando per suonare nei club. La dimensione live è quella che ci fa sentire vivi”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.