21 Savage, Jay-Z offre assistenza legale al rapper: ‘È una farsa’

“Oltre a essere un artista di successo, 21 merita di essere ricongiunto ai suoi bambini immediatamente”. Con queste parole Jay-Z ha offerto tutto il suo appoggio a 21 Savage, il giovane rapper arrestato all’inizio del mese con l’accusa di risiedere illegalmente, in quanto cittadino britannico senza un visto in corso di validità, entro i confini degli Stati Uniti e adesso in stato di fermo in Georgia, concludendo il suo tweet con #Free21Savage. Il sostegno offerto dal marito di Beyoncé all’autore di “I Am > I Was” non si limita alle parole: Jay-Z ha messo a disposizione del rapper l’avvocato, specializzato in questioni migratorie, Alex Spiro, per assistere il team legale che già si sta occupando del caso di 21 Savage. “L’arresto e il fermo di 21 Savage è una farsa assoluta, la sua richiesta di visto è pendente da quattro anni”, ha scritto sui social Jay-Z a proposito della vicenda. Dello stesso avviso è l’avvocato Spiro, che si è così espresso in una dichiarazione concessa a Variety: “Quello che abbiamo qui è qualcuno che ha prolungato il suo visto con una richiesta che è in pendenza da quattro anni – non un criminale condannato che deve essere trattenuto ed espulso ma, a detta di tutti, una persona meravigliosa, un padre e un artista che ha alle spalle un reato legato alla marijuana che è stato chiuso".

La validità del visto di Shayaa Bin Abraham-Joseph sarebbe scaduta, stando alle dichiarazioni del suo team legale, nel 2006. Gli avvocati non sono entrati nei dettagli, limitandosi a far sapere che la scadenza sarebbe avvenuta “non per colpa del nostro assistito”, che appena è venuto a sapere della sua condizione ha fatto richiesta per il rinnovo del permesso di soggiorno, nel 2017.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.