Tiromancino, 'Fino a qui': la storia di 'Se mi verrai a cercare' (in duetto con Alborosie)

Tiromancino, 'Fino a qui': la storia di 'Se mi verrai a cercare' (in duetto con Alborosie)

"Se mi verrai a cercare" è uno dei quattro inediti contenuti in "Fino a qui", il nuovo album dei Tiromancino. Insieme al singolo "Noi casomai", a "Sale, amore e vento" e a "Settembre scordati di noi", è una delle quattro canzoni che Federico Zampaglione, il frontman della band romana, ha scritto per questo progetto discografico, che ha visto i Tiromancino reincidere alcuni loro classici insieme ad amici e colleghi (da Jovanotti a Alessandra Amoroso, passando per - solo per citarne alcuni - Calcutta, i Thegiornalisti e Luca Carboni). In "Se mi verrai a cercare" Zampaglione duetta con un'ospite speciale: è Alborosie, cantante e beatmaker siciliano che da ormai qualche anno si è trasferito in Giamaica. Ecco cosa racconta Federico a proposito della collaborazione:

"È un pezzo caratterizzato da sonorità molto vicine al reggae, un genere che ho sempre amato e ascoltato (sono cresciuto con i dischi di Bob Marley e Peter Tosh) e che ancora oggi continuo ad ascoltare. Il reggae ha quella capacità melodica immediata e, soprattutto, può veicolare messaggi molto politicamente e socialmente impegnati, ma in modo leggero. Alborosie per me è un grande esempio di coraggio e di volontà. Negli anni '90 cantava con i Reggae National Tickets, poi ad un certo punto capì che il reggae in Italia aveva difficoltà ad emergere ed ebbe il coraggio di andarsene in Giamaica e di costruirsi una carriera lì. Oggi è uno dei nomi più quotati del reggae mondiale. Ha costruito tutto questo con coraggio e voglia di mettersi in gioco".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.