Lil Pump andrà in prigione

Lil Pump andrà in prigione

Il giovanissimo rapper, classe 2000, Gazzy Garcia, meglio conosciuto come Lil Pump, ha confessato ai suoi fan Instagram di dover scontare un paio di mesi di carcere dopo aver violato la libertà vigiliata. Il leader della “Gucci Gang” (non nuovo a problemi con la giustizia) venne già arrestato in passato in California dopo una sparatoria. I fatti recenti invece si riferiscono a una guida senza patente avvenuta a Miami lo scorso agosto. Dal post pubblicato sulla piattaforma social, il cantante non ha minimante preso in considerazione l’ipotesi che questi fatti possano aver una cattiva influenza sul prossimo album, "Harverd Dropout", in uscita il 14 settembre.

Il cantante, nativo di Miami, è al suo secondo album in studio, dopo l'ottimo esordio avvenuto lo scorso anno con "Lil Pump", pubblicato il 17 ottobre del 2017 dalla Warner Bros. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.