Kanye West, nuova gaffe: "La schiavitù fu una scelta"

Kanye West, nuova gaffe: "La schiavitù fu una scelta"

"La schiavitù fu una scelta". Nel giro di poche ore, dopo il suo supporto a Trump, Kanye West è riuscito a far imbestialire di nuovo la comunità afroamericana. Una nuova polemica, questa volta nata non su Twitter ma in una lunga intervista a TMZ, in cui il rapper ha riletto a modo suo la storia:

 Quando senti parlare di schiavitù per 400 anni, allora sembra una scelta. Sei stato lì per 400 anni ....
È come essere mentalmente in carcere. Preferisco la parola 'prigionia', perché 'schiavitù' è troppo legata al mondo dei neri, così come l'Olocausto a quello degli ebrei. La prigione è qualcosa che ci unisce come un'unica razza, bianchi e neri, siamo la razza umana 

Apriti cielo: i commentatori americani hanno provato a spiegare la lotta per la liberazione della comunità afroamericana. Ma West, che nell'intervista ha di nuovo espresso il suo sostegno al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, è tornato su Twitter, dicendo: "Ancora una volta mi attaccano perché ho idee nuove", e poi "era un esempio di pensiero libero, era solo un'idea".

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.