Heavy metal pub - the mix: Opeth

Heavy metal pub - the mix: Opeth

L’heavy metal pub vi porta in Svezia, per ripercorrere la storia di una band quasi leggendaria: gli Opeth. Nati nel 1989, sono fra gli alfieri europei e mondiali di un sound che meticcia prog metal, death metal e progressive rock, per creare una miscela difficilmente imitabile, che incorpora influenze con un range che va dalla classica al jazz e folk – ma non solo.

GLI OPETH SONO PROTAGONISTI DI METAL FOR THE MASSES: SCOPRI IL CATALOGO SONY MUSIC CENTURY MEDIA A PREZZO SPECIALE

Gli esordi di fine anni Ottanta vedono la band – che prende il proprio nome da un romanzo di Wilbur Smith intitolato “Sunbird” (qui la denominazione è Opet, senza “h”: si tratta del nome di una città immaginaria del Sud Africa) – sono all’insegna di un death metal più standard… del resto quella era la golden age di black e death.

Dal 1989 a oggi la band ha pubblicato una dozzina di album in studio, più una pletora di singoli, live, box set, raccolte… un vero tesoro per fan e appassionati. La lunga parabola degli Opeth peraltro non accenna a diminuire in ampiezza d’arco, nonostante della formazione originale sia rimasto il solo Mikael Åkerfeldt (chitarrista, cantante e principale autore dei pezzi, nonché anima del gruppo) e molti rivolgimenti di formazione. Segno che la leadership e la visione musicale di Åkerfeldt sono lucidi e solidi.

Del resto l’esperienza sonora degli Opeth è realmente speciale e difficilmente comparabile ad altre: il loro death, infatti, è progressivo ed epico, incorporando elementi raccolti dai generi più disparati e oggettivamente – almeno sulla carta – distanti dal metal. E l’imperativo categorico è uno solo: mai ripetersi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.