Kenny Goss ricorda George Michael: "Chissà cosa sarebbe successo fossimo rimasti assieme"

Kenny Goss ricorda George Michael: "Chissà cosa sarebbe successo fossimo rimasti assieme"

Kenny Goss è stato il compagno di George Michael per lungo tempo. Nel 2007 i due assieme hanno messo in piedi una fondazione, alla quale il cantante ha contribuito in maniera sostanziosa e lontano dai riflettori.
A sei mesi dalla scomparsa dell’ex Wham!, mancato il giorno Natale del 2016, Goss ha scritto un lungo ricordo sull'Huffington Post, in parte per rilanciare le attività della fondazione, che ora si dedicherà a malattie mentali e dipendenze.

George ha lottato con la sua fama, ma ha capito che poteva usarlo come forza per fare del  bene. Decise che, anche se essere sotto i riflettori non lo avrebbe reso  felice, aveva il privilegio di poter aiutare gli altri, e questo è esattamente quello che ha fatto.

Ma soprattutto Goss ricorda con affetto l'ex compagno, e mette un grosso "se", senza nominare l'ultimo partner di Michael, Fadi Fawaz, che l'ha trovato esamine ed è spesso stato criticato nelle settimane successive per il suo ruolo nella vicenda. Scrive Goss: 

Anche se la nostra relazione era finita, ho il privilegio di poter dire che è rimasto uno dei miei più cari  amici fino al giorno in cui è morto. 
George e io abbiamo comunicato regolarmente nei mesi precedenti la sua morte - mi chiedeva come stavo e voleva notizie sull la Fondazione. Non mi piace speculare su cosa sarebbe successo se fossimo rimasti insieme. Forse ci saremmo aiutato l'un l'altro. O forse avremmo solo peggiorato le cose.

Goss conclude così

George è tornato con la sua amata madre. Negli anni a venire sarà ovviamente ricordato per il suo talento incredibile, ma voglio assicurarmi che la sua eredità vada oltre la sua musica, perché aveva molto di più da dare. Riposa in pace, darling.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.